MESSAGGERO, ATTACCO AI DIRITTI E ALLE RETRIBUZIONI. I GIORNALISTI NON CI STANNO

Attacco ai diritti, attacco alle retribuzioni, organici dei giornalisti ma anche dei poligrafici ridotti all’osso. Al Messaggero non sono per niente contenti. Dopo lo sciopero di giovedì  marzo, i giornalisti hanno approvato alla unanimità un duro documento che viene pubblicato sul giornale. Ecco il testo integrale.

“A settembre del 2009, allo scoccare dello stato di crisi, nell’organico del Messaggero c’erano 198 giornalisti. Dal 1° marzo scorso, quando lo stato di crisi è terminato, i giornalisti in forza al Messaggero sono 145. In questo anno e mezzo l’emorragia di risorse, professionalità ed esperienze è stata drammatica. Ben 53 colleghi (più di uno su quattro) hanno lasciato il posto di lavoro al quale avevano dedicato energie e impegno per anni. L’unico giornalista che non si è accordato con l’azienda per il pre-pensionamento, è stato licenziato, nonostante il numero degli esodi pianificato dalla proprietà fosse stato ampiamente superato. Mentre il maggior carico di lavoro si riversava sui giornalisti rimasti, l’azienda ha sospeso l’erogazione di diverse indennità retributive, rinviando alla fine dello stato di crisi la loro ricontrattazione. Giorni fa ha comunicato al cdr che non intende aprire trattative su questo fronte. Ai tagli già effettuati ha aggiunto quello degli straordinari per i colleghi che la domenica lavorano alle pagine sportive.

“Ai tipografi non è andata meglio. Da mesi hanno applicato i contratti di solidarietà e sono preannunciati per settembre 30 pre-pensionamenti.

“Organico ridottissimo, che mette a rischio la qualità e la completezza dell’informazione. Retribuzioni mortificate nonostante la forte crescita della produttività. Relazioni sindacali inesistenti. Questo è il Messaggero di oggi. Era un grande giornale e vuole continuare ad esserlo, ma senza investimenti, assunzioni e un serio piano di rilancio è inevitabilmente destinato ad un futuro nero. I giornalisti del Messaggero hanno fatto per intero, e anche di più, la loro parte per aiutare a superare la brutta congiuntura. E sono stanchi di promesse che l’azienda non onora. Per tutti questi motivi confermano lo stato di agitazione, nella consapevolezza che la difesa dei loro diritti è anche la difesa della qualità del giornale.

L’assemblea dei giornalisti del Messaggero”

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


4 × uno =