GIORNALISTI E PRECARI, MUOVERSI ADESSO PRIMA DI NON ACCORGERSI PIU’ DI NIENTE

Ecco il testo del documento sulla manifestazione del 9 aprile approvato dal Coordinamento giornalisti precari, di cui Puntoeacapo fa parte.

“Da anni in questo paese l’informazione libera è a rischio, sia per volontà politica di pochi, ma soprattutto grazie allo strumento dei contratti precari applicato dai molti nell’utilizzo dei giornalisti “più giovani “.

“La verità è che con questo sistema dell’informazione i giornali oramai vengono realizzati con pochi euro da editori che lucrano sui compensi dei giornalisti da loro definiti alle prime armi, ma che nella realtà sono professionisti che vantano esperienze all’estero, master e molti titoli.

“Oggi le persone che lavorano per fare in modo che l’opinione pubblica sia informata guadagnano tra i 300 e i 600 euro al mese. Fior fior di professionisti che continuano a fare il loro lavoro in condizione inumane, perché ci credono.

“Ma noi abbiamo scelto di non piegarci, come Coordinamento Giornalisti Precari aderiamo all’iniziativa “Il nostro tempo è adesso” del 9 aprile prossimo  e partiamo da qui per dire che non ci basta la visibilità, non ci basta una firma sotto un articolo: facciamo un lavoro e vogliamo essere pagati dignitosamente e riconosciuti professionalmente.
Vogliamo, parafrasando un film il Pane ma anche le Rose.

“Per questo come coordinamento di tutte le reti di giornalisti sottopagati e sfruttati chiediamo subito un adeguamento dei nostri salari a quelli europei, gli strumenti per poter combattere chi ci fa dei soprusi; una paga fissa non più bassa di 50 euro per ogni articolo scritto e un sindacato che ci riconosca e ci tuteli anche se non abbiamo un contratto (congedi parentali e maternità)

“Non siamo più fantasmi.
“Siamo tornati visibili e incazzati e non ce ne andremo”.

Coordinamento – Giornalisti Precari

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


1 × 5 =