PRECARI, ECCO PERCHE’ PUNTOEACAPO ADERISCE ALLA MOBILITAZIONE DEL 9 APRILE

di Gianluca Cicinelli *

Per restituire un futuro all’orizzonte del giornalismo italiano. Con questo spirito Puntoeacapo aderisce all’interno del Coordinamento nazionale dei giornalisti precari alla manifestazione del 9 aprile lanciata da tante sigle del mondo del precariato e della società civile, radunate intorno all’appello lanciato in rete “Il nostro tempo è adesso”. http://www.ilnostrotempoeadesso.it/.

L’appuntamento è in piazza, nelle città italiane, a fianco di giovani e meno giovani stanchi di vedersi interdetto l’accesso al mondo del lavoro da clientele e corruzione dominante, impossibilitati a richiedere un mutuo, di passaggio tra uno stage e l’altro che si trasforma in sfruttamento del lavoro, in un paese che taglia indiscriminatamente le risorse per scuola e formazione e dequalifica il lavoro per pagarlo poco o niente.

Puntoeacapo ha lavorato alla costruzione di questa mobilitazione all’interno del Coordinamento dei giornalisti precari, una realtà composta da operatori dell’informazione esterni ai giornali, con stipendi tra i 300 e i 600 euro o che ricevono 3 euro per un articolo, nonostante il lavoro dei precari costituisca ormai oltre la metà degli articoli che si trovano tutti i giorni sulle testate italiane.

Insieme ad esperienze come Errori di stampa, Mai per meno di 50 euro, Senza Bavaglio e molte altre, Puntoeacapo rilancia la sua battaglia per la qualità dell’informazione, che passa innanzitutto per il riconoscimento della professionalità dei giornalisti e il rispetto dei loro diritti, un compito a cui è venuto meno in questi ultimi anni il supporto della Federazione Nazionale della Stampa, incapace di riconoscere la nuova composizione professionale che si prolunga all’esterno delle redazioni e troppo più pronta ad accogliere le esigenze degli editori che quelle dei giornalisti.

I precari adesso dicono basta. “Abbiamo scelto di non piegarci – si legge nel documento stilato dal Coordinamento nazionale giornalisti precari – vogliamo il pane e anche le rose, chiediamo un adeguamento dei nostri salari a quelli europei e gli strumenti per poter contrastare chi commette soprusi e un sindacato che ci tuteli anche se non abbiamo un contratto. Non siamo più fantasmi, siamo tornati visibili e incazzati e non ce ne andremo”.

Il coordinamento dei giornalisti precari di Puntoeacapo sarà presente nelle piazze italiane per spiegare a cittadini e utenti dell’informazione che la stampa con la schiena dritta, quella che non si piega al potere politico ed economico, si può realizzare soltanto con giornalisti qualificati e retribuiti. Sarà un’occasione importante per incontrarsi e dialogare, per porre la prima pietra di una rivendicazione sindacale unitaria del mondo del precariato.

* Disoccupato, consigliere dell’Associazione Stampa Romana, esponente di Puntoeacapo

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


5 × 3 =