CONSULTA CDR, ELETTA LA COMMISSIONE CONTRATTO. CHE COSA CI ASPETTA PER IL RINNOVO

Giovedì a Roma, si è riunita la Conferenza nazionale dei comitati di redazione che ha eletto i 14 giornalisti della “Commissione contratto nazionale” che si occuperà del contratto Fnsi-Fieg durante il prossimo mandato.
 

Per i corrispondenti, collaboratori fissi e pubblicisti part-time, gli eletti (2) saranno proclamati quando le Associazioni di Stampa di appartenenza avranno comunicato l’anzianità di iscrizione al sindacato dei 4 più votati, tutti a pari voti. Andranno in Commissione i due più vecchi di sindacato. La Commissione contratto deve ora essere completata dai 3 rappresentanti eletti dall’Assemblea nazionale dei free lance, dai delegati regionali e da esperti. Ne fanno anche parte di diritto i membri  della giunta Fnsi.

Nel suo intervento Franco Siddi  ha annunciato una prossima conferenza nazionale dei cdr da tenersi prima dell’estate, per un incontro “tipo seminario” sui  temi del contratto. Il segretario Fnsi ha anche parlato del rinnovo economico biennale del contratto di lavoro Fieg-Fnsi per il quale, ha detto, è già cominciato il confronto tra le parti come previsto dall’art. 52 del contratto stesso. Si rinnova in applicazione del protocollo governativo del 3 luglio 1993, ha detto Siddi, sulla base dell’inflazione programmata che è dell’1,5% per quest’anno e per il prossimo. Quindi sul 3%. Prima di riprendere il negoziato gli editori hanno chiesto una valutazione preliminare sul capitolo previdenza.

I conti dell’Inpgi sono costantemente sotto osservazione, anche a causa della ondata di prepensionamenti degli ultimi due anni favorita proprio dall’applicazione del protocollo collegato al nuovo contratto di lavoro. “Gli editori devono versare almeno 1 punto di contribuzione in più”, ha detto Siddi. Non si capisce se la sua idea è che quell’1% sia da prendere dal  già magro 3% di recupero di inflazione che dovrebbe essere l’aumento contrattuale del biennio. O se, come proposto da Fabio Morabito intervenuto alla conferenza come cdr del Messaggero, metterà sul tavolo la richiesta che l’1% sia aggiuntivo. D’altra parte conviene anche agli editori che l’Inpigi non vada a gambe all’aria. Se i giornalisti confluissero nell’Inps gli editori dovrebbero infatti versare contributi più salati, di circa 7-8 punti percentuali in più sui nostri stipendi.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


5 + otto =