PRECARI, PUNTOEACAPO IN PIAZZA PER IL FUTURO POSSIBILE

di Carlo Chianura

Portavoce di Puntoeacapo

Puntoeacapo sarà sabato in piazza a Roma con i precari. Una scelta che parte da lontano, in particolare dall’attenzione e dall’impegno che la nostra componente ha sempre dimostrato di avere nei confronti dei non-garantiti. Scelta che si è concretizzata nel tempo nella candidatura di precari e disoccupati in tutte le elezioni congressuali e in quelle per gli enti; oltre che nella decisione di farli entrare negli organismi direttivi ovunque fosse possibile.

Una scelta, la nostra, che si basa sulla consapevolezza che almeno negli ultimi dieci anni il giornalismo italiano ha vissuto e subìto due fenomeni complessi e gravi, da sempre interconnessi.

Da un lato una riorganizzazione selvaggia del lavoro nelle redazioni, che ha sfruttato le energie di giovani validi e professionalmente preparati, spesso dotati di una laurea e di un master post-universitario. Ragazzi sfruttati talvolta a quattro centesimi, talora proprio a zero euro.

Dall’altro lato la vera e propria esplosione di scuole universitarie attraverso le quali è stato possibile fare accedere agli esami professionali migliaia e migliaia di ragazzi. Una esplosione o sarebbe meglio dire un abuso, che ha creato negli anni una fabbrica di disoccupazione, che solo negli ultimi anni l’Ordine dei giornalisti ha saputo contrastare adeguatamente mettendo nel mirino quelle università che avevano trasformato i corsi per giornalisti in una fabbrica da soldi.

In tutto questo abbiamo assistito alla totale incapacità della Federazione della Stampa di tutelare le varie forme di precariato. Al di là dei nominalismi e dei coordinamenti creati ad hoc per mettere il classico cappello sulla sedia, non si ricorda in questi anni un solo atto della Fnsi che abbia concretamente aiutato il precariato a uscire dalla sua gabbia.

Straordinario in questo senso è ciò che è accaduto non tanto alla firma del nuovo contratto, ma durante la sua applicazione.
I fatti sono noti a chiunque voglia vederli. Ristrutturazioni selvagge consentite ad aziende che avevano bilanci un po’ più magri ma pur sempre in nero. Una quota di prepensionamenti che sta mettendo in gravi difficoltà l’Inpgi e ha creato preoccupazione per i conti del futuro non remoto.

Una delle scuse della Fnsi fu: andranno via i vecchi ma almeno entreranno i precari. Naturalmente era una favola per gli allocchi. Come stiamo vedendo in tutte le redazioni, il livello di assunzione dei disoccupati o di quelli che un tempo si chiamavano “abusivi” è rimasto a livelli più vicini allo zero. In compenso le aziende si sono liberate di circa 600 stipendi pesanti e se la cavano egregiamente versando a molti di quei settecento la quota massima consentita per il cumulo: 20.000 euro all’anno.

Nel frattempo centinaia di super-professionisti, che si sentono giustamente ancora nel pieno delle forze, sono pagati dall’Inpgi (cioé da tutti noi) ma continuano a fare nelle redazioni i lavori più vari, solitamente gli stessi di prima: capidesk, inviati, redattori.

Va da sé che in questo modo i precari cui la Fnsi dice di tenere tanto non entreranno giammai nelle redazioni.

 

Ma sabato è, deve essere, anche il giorno della lotta e della speranza per i tanti, validissimi colleghi che non riescono a trovare una strada. La strada è quella dei nuovi-attuali strumenti di comunicazione, quelli che in due parole consentono di avvicinarsi al pubblico (e al sistema pubblicitario) con costi di produzione vicini allo zero. Parliamo di internet, di webtv, di applicazioni della telefonia cellulare. Parliamo anche della capacità di reinventarsi un lavoro autonomo, nel momento in cui il giornalismo inteso come forma di lavoro dipendente è destinato a una stasi quando non a ulteriori contrazioni.

In tutto questo Puntoeacapo vorrebbe essere un punto di ascolto e se possibile di aiuto. Con la consapevolezza che il mestiere del giornalista sta cambiando. E con una avvertenza: non può essere, non deve essere e non sarà uno scontro tra generazioni, come molti vorrebbero: non sarà una guerra tra quasi-poveri.

Un saluto e un abbraccio non solo ideali, dunque, ai giovani e ai quasi giovani che vedremo in piazza. Noi continueremo a esserci, già dal 10 aprile.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


19 + diciannove =