FIEG, STAMPA FERMA MA I MARGINI RICOMINCIANO A MIGLIORARE

“Per essere parte attiva dei processi di cambiamento in atto, le aziende editrici devono mantenere elevato il livello della qualità dei contenuti prodotti e articolare la loro produzione in rapporto alla molteplicità delle piattaforme. Finora lo hanno fatto da sole”. E’ quanto rileva la Fieg nello studio ‘La stampa in Italia 2008-2010’.

“Lo sforzo richiesto è però enorme e le aziende editrici hanno bisogno di una governance politica che “sia in grado di delineare un quadro normativo di riferimento adeguato” e di mettere in atto “interventi selettivi che offrano un supporto efficace per procedere verso sistemi di produzione e di distribuzione dell’informazione in linea con le esigenze imposte dalle tecnologie”.

“I problemi chiave con i quali deve confrontarsi l’editoria giornalistica sono sostanzialmente legati ad un mercato che non si espande sufficientemente nelle sue due tradizionali componenti – vendite delle copie e di spazi pubblicitari – ed all’esigenza di individuare nuove linee di crescita dei ricavi”. Lo rileva la Fieg nello studio ‘La stampa in Italia’.

“E’ un percorso difficile che, però, non ha alternative – prosegue la Fieg -. L’impatto sui margini operativi della crisi intervenuta nel biennio 2008-2009 è stato forte, ma nel 2010 è stata altrettanto forte la reazione delle aziende editrici che, almeno sul piano dei costi di produzione, hanno portato avanti un’efficace azione di razionalizzazione e di ristrutturazione che si è tradotta in ritrovati equilibri aziendali e, ciò che è più importante, in margini operativi di segno positivo”.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


quattro × 2 =