IACOPINO: DALLA FIEG SILENZIO SUI GIORNALISTI SFRUTTATI DAI “LADRI DI SOGNI”

di Enzo Iacopino

Presidente dell’Ordine nazionale dei giornalisti

Fa piacere apprendere dalla relazione del presidente della FIEG, Carlo Malinconico, che emergono dati incoraggianti. Fa piacere soprattutto a chi, i giornalisti, ha fornito un contributo fondamentale, immolandosi per determinare una riduzione del costo del lavoro del 9,6%.

Certo sarebbe stato più cortese non far rientrare genericamente le centinaia di colleghi rottamati tra le “diseconomie” parzialmente riassorbite con “incisivi processi di ristrutturazione e di riorganizzazione produttiva”.

Manca nella relazione ogni altro riferimento ai giornalisti. Non una parola di speranza – a quattro giorni da una imponente manifestazione pubblica contro il precariato – per i tanti sfruttati da quei ladri di sogni e di verità che ci sono tra gli editori. Non era la sede, sarà l’obiezione. Ma questa sede non si trova mai. Il problema resta e distrugge la vita di migliaia di giovani. La verità è che sul terreno della moralità dei comportamenti di troppi editori la FIEG sceglie sempre la strada del silenzio

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


uno × cinque =