PRECARI, LA DIRIGENZA DI STAMPA ROMANA SI RIMANGIA GLI IMPEGNI. UNA LEZIONE DI CHIAREZZA

Dispiace per chi ci aveva creduto. Il tanto sbandierato interesse dell’Associazione Stampa Romana per le sorti di precari,  freelance,cococo e disoccupati, alla prima prova dei fatti si è rivelato effimero.Passata la festa, la manifestazione del 9 aprile contro il precariato, gabbato lo santo … precario.

Intanto alla manifestazione del 9 aprile, nonostante l’adesione formale, non c’era nessun rappresentante Fnsi e tantomeno uno striscione che ricordasse il sindacato. Dal palco ha parlato una precaria delCoordinamento giornalisti precari, sorto all’esterno del sindacato. Ci è stato detto che erano impegnati in una tre giorni di dibattito, per carità, ma nemmeno due o tre rappresentanti del sindacato in grado di essere presenti danno l’idea della difficoltà di adattamento alla vita reale, quella al di fuori delle stanze di Corso Vittorio, dell’attuale gruppo dirigente Fnsi. Eppure al Festival Internazionale di Giornalismo a Perugia concluso pochi giorni fa Roberto Natale ha rivendicato la presenza in piazza dell’organizzazione con tanto di striscioni. Si possono avere le più diverse posizioni sul sindacato però facciamo tutti un lavoro che ci costringe ad attribuire a fatti e parole la giusta importanza.

Subito dopo per recuperare il terreno perduto sono cominciati i contatti con alcune delle sigle che hanno animato il Coordinamento dei giornalisti precari, incontri con promesse d’impegno a partire, per quanto riguarda il Lazio, dalla legge regionale sulla comunicazione. Ci fa piacere sapere che L’Asr abbia sbandierato ai precari l’ipotesi di
colpire bloccando i finanziamenti pubblici gli editori che non pagano i collaboratori. Ci farebbe ancora più piacere sapere perchè la maggioranza di ASR e FNSI al recente congresso nazionale di Bergamo abbia votato contro la mozione di Puntoeacapo che conteneva la stessa proposta, ma non è importante, ciò che conta è il contenuto.

La mobilitazione autonoma di precari e freelance ha comunque costretto il sindacato a rincorrere i giornalisti su dei punti programmatici e non di potere, una novità importante per chi vive avvolto nelle beghe interne senza costrutto che a partire dal contratto 2001 hanno spostato sempre più a favore degli editori i rapporti di forza contrattuali. Perchè stavolta anche l’Fnsi ha compreso che i precari non si accontenteranno delle solite promesse e sono pronti a combattere per i loro diritti con l’autorganizzazione, come hanno già dimostrato di saper fare, verificando sul campo le tante promesse.

Ma già una di queste è venuta meno. Qualcuno ricorderà che al congresso romano era passata all’unanimità una mozione di Puntoeacapo, firmata anche dal segretario Paolo Butturini, che impegnava l’ASR a non far pagare l’iscrizione ai disoccupati in stato di bisogno. Tre mesi dopo il segretario si è rimangiato la sua firma, spiegando che non si poteva fare per motivi di cassa. Puntoeacapo ha riproposto al direttivo la stessa mozione, allargando ai precari e frelance al di sotto della soglia di reddito tassabile l’iscrizione 2011 al costo simbolico di un euro.

Ci era sembrato che tanto impegno profuso dall’ASR per i colleghi non contrattualizzati avesse come sbocco obbligato quello di favorire il loro ingresso nel sindacato che il prossimo anno avrebbe reso fruttuoso anche l’inserimento a un euro di decine di colleghi per l’anno in corso.

Invece il direttivo del 28 aprile ha respinto la mozione con i soli voti a avore dei membri di Puntoeacapo. Tra l’altro al termine di una riunione dove sono state magnificate le molte iniziative messe in campo dal sindacato per questa categoria, beffa nella beffa. Sarebbe stato invece un segnale politico forte, per quei colleghi che spesso non hanno la forza per denunciare i soprusi perchè perderebbero il posto, un impegno che a mettere la faccia per coloro che non possono mostrarla senza finire in una lista nera degli editori sarebbe stato il sindacato. Anche nell’ASR precario è uguale a clandestino, almeno fino alle prossime elezioni. Le spese di gestione del sindacato? Sia chiaro che quando qualcuno si rivolge agli sportelli del sindacato per una vertenza non è che in quanto tesserato non paga i servizi, ma al termine della causa salda regolarmente il legale secondo una percentuale stabilita intorno al 7% della causa trattata. Qual è dunque il problema vero? Forse i precari stessi, perchè non danno più garanzia di accontentarsi delle solite promesse mai mantenute.

Purtroppo non siamo stupiti, da tempo ormai denunciamo questa grave crisi della democrazia interna al sindacato. L’unica certezza è che continueremo a vigilare sugli impegni presi e sul loro rispetto da parte della maggioranza. Ci è stato detto che non c’è bisogno di lotte perchè Asr e Fnsi continuano ad aprire tavoli di trattativa istituzionali per il nostro bene: per il momento però le sedie per tutti questi tavoli ce le dobbiamo portare da casa.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


13 − undici =