GIORNALISMO, MORIRE DI PRECARIETA’. LA STORIA DI PIERPAOLO FAGGIANO

di Luca Teolato *

Si sono tenuti ieri, nella Chiesa Madre di Ceglie Messapica nel brindisino, i funerali di Pierpaolo Faggiano, collaboratore della Gazzetta del Mezzogiorno, giornalista pubblicista di 41 anni suicidatosi in casa dopo aver denunciato in una lettera il disagio esistenziale per la sua condizione di precarietà, aggravata anche da una delusione sentimentale. Pierpaolo ha detto basta ad una vita in bilico, senza certezze, senza la dignità di un posto sicuro.

E ha deciso di farla finita, impiccandosi. Il corpo senza vita del giornalista è stato ritrovato nella tarda serata del 21 giugno nei pressi di una villetta di famiglia, in campagna.

Pierpaolo Faggiano, alle 23.30 circa si è tolto la vita impiccandosi ad un albero. I primi a scoprire il corpo senza vita del giornalista sono stati la madre e il fratello, appena rientrati da un matrimonio, con i quali l’uomo viveva.

Ha scelto la prima notte d’estate per andarsene per sempre, proprio quando gli altri iniziano a pensare alle ferie, a programmare il meritato riposo con i propri figli e la propria moglie. Programmare, progettare, organizzare, parole che non fanno parte del lessico dei precari, che hanno come unica compagna di vita l’ansia, la paura di non farcela, un’angoscia che inevitabilmente cresce sempre di più con il passare degli anni, che logora il corpo e la mente, costretta a pensare giorno dopo giorno sempre la stessa cosa: cosa farò domani e soprattutto se ce la farò.

Solo pochi giorni fa Pierpaolo aveva spento le sue 41 candeline e probabilmente, come ogni compleanno che rappresenta anche un momento di riflessione e di bilanci, di addizioni e sottrazioni, ciò può aver acuito la sua angoscia. L’ennesima sottrazione, l’ultima.

Un bilancio negativo anche della propria vita privata, che inevitabilmente si intreccia con la propria vita professionale.
Un piccolo stipendio avrebbe forse risolto anche i problemi sentimentali che sicuramente hanno contribuito ad accrescere l’angoscia di un uomo di 41 anni senza prospettive. Non è facile avere la consapevolezza di non poter possedere una casa per la propria famiglia, non poter dar da mangiare ai propri figli, sentirsi completamente impotente di fronte al futuro, non poterlo pilotare ma essere completamente in balia degli eventi; anche questo forse ha influito sulla vita sentimentale di Pierpaolo che una famiglia non se l’è mai potuta fare. Faggiano ha lasciato una lettera per i familiari nella quale spiega le ragioni del suo gesto, pensato, deciso. Racconta di quella continua incertezza della sua esistenza precaria, nonostante fosse uno dei maggiori esperti di musica jazz in Italia e non avesse iniziato ‘ieri’ a fare questo mestiere. Un mestiere, quello del giornalista, che non può che avere come stimolo principale la passione, che ti spinge ad andare oltre ai 5 euro ad articolo, all’incertezza continua, ai lacchè per scelta o per forza, ad avere dei riconoscimenti non per la tua abilità ma per altri motivi che non c’entrano nulla con il giornalismo.

L’ennesima tragedia del precariato colpisce questa volta il mondo dell’informazione, precariato troppo spesso oscurato dai media stessi, tra i responsabili principali di una condizione da sottoproletariato dei propri collaboratori.

Ora però si fa a gara a denunciare lo stato di totale abbandono e miseria del mondo del giornalismo italiano, a commiserare una condizione di totale degrado per chi dovrebbe svolgere un mestiere fondamentale per la qualità di una democrazia, garantito dall’articolo 21 della Costituzione. Forse è proprio la qualità di una democrazia che spaventa e fa comodo avere dei giornalisti senza diritti, proni e ricattabili, che al primo fiato vengono sostituiti da altri mille disperati nella stessa condizione.
L’Assostampa, il sindacato dei giornalisti pugliesi, ha espresso «cordoglio e sconcerto» per il gesto del giornalista «dettato dal profondo disagio esistenziale legato anche alla sua condizione di precarietà lavorativa». «Questo episodio – è riportato in una nota – deve imporre a tutti, specialmente a chi detiene responsabilità di governo a tutti i livelli, una profonda riflessione sul dramma di migliaia di persone, giovani e meno giovani che, non soltanto nel giornalismo, vivono ogni giorno sulla propria pelle il dramma di un’occupazione precaria e senza alcuna prospettiva di stabilizzazione. Una condizione che impedisce a chiunque di guardare al futuro con fiducia e di realizzare progetti di vita».

* Da “Il Dirigibile” www.ildirigibile.eu

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


20 − 6 =