“DIGNITA’ PER IL LAVORO”, INTERVISTA AL PORTAVOCE DI PUNTOEACAPO

da www.ildirigibile.eu

«Al di la dei motivi anche personali, il caso di questo collega, di questo ‘vecchio’ ragazzo precario che si è tolto la vita, dimostra in toto quello che sta avvenendo in  Italia dal punto di vista dell’informazione. Una platea di ragazzi, per modo di dire visto che ci sono quarantenni e oltre, pubblicisti o professionisti che sarebbero in grado di fare questo lavoro ma non possono farlo perché non ci sono più le condizioni strutturali del mercato del lavoro», spiega Carlo Chianura, giornalista di Repubblica, portavoce di Puntoeacapo, componente sindacale di opposizione all’interno dell’Fnsi – Federazione nazionale della stampa.

«I professionisti in Italia sono 18.000, i pubblicisti superano le decine di migliaia, ed i media non sono in grado di assorbire questa platea. In un Paese che già storicamente ha avuto ed ha delle difficoltà nel portare avanti iniziative editoriali, circa 15 anni fa si sono aperti i cordoni delle modalità di accesso alla professione. Ovviamente questo non è l’unico problema ma la premessa per poter capire la situazione drammatica che stiamo attraversando oggi», spiega Chianura.

Una situazione che fa gioco agli imprenditori cosiddetti editori che possono così giocare al ribasso «questi sono processi che fanno parte del capitalismo. Negli anni ’50 e ’60 si parlava dell’esercito industriale di riserva, una massa di persone che stava in campagna e veniva attirata in città come manodopera industriale, impiegata precariamente e all’occorrenza messa poi ai margini. Una scorta sempre a disposizione per l’imprenditore che, in caso di necessità, poteva pescare in questo enorme bacino di disperati da usare a proprio uso e consumo, esclusivamente in base alle sue condizioni. Allargare i cordoni della professione fa il gioco di imprenditori senza scrupoli, oggi come ieri», spiega il portavoce di Puntoeacapo.

Andare a colpire la forza lavoro di un giornale è un danno non solo per i diretti interessati ma anche per il sistema Paese «l’informazione è un bene cardine della società, garantita anche dall’articolo 21 della nostra Costituzione. E’ in atto in tutta Italia un processo di precarizzazione, di proletarizzazione dei giornalisti già assunti. Le aziende pretendono che i redattori siano degli impiegati di concetto, che scrivano senza fiatare tutto quello che gli si dice, che abbiano sempre meno garanzie, che siano pagati sempre meno dei loro ‘padri’ e quindi sempre più ricattabili.

Poi ci sono quelli che stanno peggio, come il povero Pierpaolo, tutti coloro che ruotano attorno ai giornali piccoli medi e grandi, alle emittenze radiotelevisive private più o meno importanti, che non sono neanche quantificabili alla stregua degli immigrati clandestini, che quando gli va bene prendono 500 o 600 euro e si occupano di tutto, dai contenuti agli aspetti tecnici, sfruttati e senza un futuro», denuncia Chianura.

Situazioni di precariato e sfruttamento che esistevano anche 20 o 30 anni fa nel mondo del giornalismo ma che avevano una ‘scadenza’ naturale, oltre la quale poi si raggiungeva il posto fisso dentro una redazione. Ora, quando va bene, si continua a lavorare in condizioni di totale precarietà, come quella del povero Pierpaolo Faggiano che a 41 anni non aveva ancora idea di cosa sarebbe successo il mese successivo. 

Una condizione che non sembra, ad oggi, essere al primo punto dell’agenda dell’Fnsi «Puntoeacapo è stata l’unica componente sindacale di un certo peso, che ha aderito e partecipato alla manifestazione del 9 aprile scorso sul precariato. Noi riteniamo che nel momento in cui il giornalismo è assediato dal precariato è il Paese ad essere meno libero. Un redattore in queste condizioni è ricattabile da chiunque, dal proprio editore, dall’istituzione e dall’entità stessa sulla quale deve scrivere. Il sindacato ufficiale è quello delle poltrone, quello che fa gli organismi che servono soltanto a mettersi le medagliette sul petto, in questi anni non c’è stata nessuna iniziativa dell’Fnsi in difesa del precariato e delle condizioni drammatiche dei propri iscritti», spiega il portavoce di Puntoeacapo.

Ed è proprio la situazione assolutamente inaccettabile del mondo del giornalismo odierno che fa da unico stimolo ad andare avanti per la corrente di opposizione «siamo rimasti nel sindacato per continuare a fare da pungolo, a tenere viva l’attenzione e proporre iniziative per migliorare la condizione dei giornalisti precari», dichiara Chianura.

Ora però non è il momento dello scontro, è il momento di deporre temporaneamente le armi per stringersi attorno alla famiglia di questo povero ‘ragazzo’ che avrebbe voluto diventare grande ma crescere in questo Paese non sembra più un diritto ma un privilegio «come Puntoeacapo saremo presenti alla fiaccolata di giovedì prossimo organizzata in ricordo di Faggiano. Dal giorno dopo però si continua per una qualità del lavoro dignitosa, che rispetti la professionalità e le competenze dell’individuo», conclude il portavoce di Puntoeacapo.

Guai ad interrompere il presidio in nome del diritto all’informazione quando le luci della ribalta si spegneranno.

L.T.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


quindici − due =