ARTICOLO 8, LA FNSI ALLA FINE TROVA LA PAROLA. “POTREMMO PROMUOVERE UN REFERENDUM ABROGATIVO”

La Fnsi boccia le norme sul lavoro contenute nella manovra economica. In un documento della segreteria, la Federazione nazionale della stampa dice che il decreto “contiene elementi e norme che nulla hanno a che fare con la messa in sicurezza dei conti dello stato. E’ il caso dell’art. 8 Sulla contrattazione aziendale”.

La Fnsi chiede al governo di rimuovere la contestata norma, in caso contrario si è pronta a mettere in campo tutte le iniziative necessarie compreso il referendum abrogativo. “E’ significativo – sottolinea – che negli ultimi due giorni da tutto il complesso delle forze sociali si faccia strada una ripresa di dialogo e che anche da alcune rappresentanze economiche sia stata denunciata l’intrusione impropria in una materia delicata quale quella della qualità e gestione dei rapporti di lavoro, che appartengono primariamente all’autonomia delle parti sociali”.

Il tema, secondo la Fnsi, “non è solo quello dei licenziamenti facili o dell’instabilità dei posti di lavoro assunti a nuovo modello (scarsamente funzionale se non per pochi), ma anche della possibilità che persino le leggi possano essere vanificate. Si apre la strada a situazioni inique. Per i giornalisti (ma non solo per loro), inoltre, quasi non bastasse tutto questo, le norme introducono elementi che legittimerebbero lesioni gravi ai diritti e ai doveri professionali, quali la tutela delle fonti e il segreto professionale, cardini di autonomia e libertà dell’informazione”.

Per queste ragioni la Federazione della stampa “avvia una mobilitazione permanente, nella ricerca anche di un raccordo con tutto il mondo del lavoro perché sia espunto dal testo l’art. 8 E ci sia una riflessione più meditata da parte di tutti sulla contrattazione. In ogni caso, ove ciò non avvenisse, la fnsi sosterrà ogni iniziativa che possa portare all’abrogazione di questa norma attraverso qualsiasi via praticabile secondo costituzione e diritto europeo”.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


due + 15 =