CARTA DI FIRENZE, UN DOCUMENTO PER SCONFIGGERE I LADRI DI SOGNI

di Simona Davoli *

Il dado è tratto. La “Carta di Firenze” è stata approvata dall’assemblea dei giornalisti precari. E così i collaboratori che guadagnano due euro a pezzo saranno meno soli.

Link alla Carta di Firenze
http://www.odg.it/files/carta%20di%20firenze%20ULTIMA.pdf

Nella due giorni (7-8 ottobre 2011) che si è svolta nel capoluogo toscano sono accorsi tutti (pubblicisti, freelance, praticanti e professionisti sottopagati), e da tutta Italia per dire che non piace a nessuno quello che sta diventando il giornalismo italiano.

Un incontro, voluto dall’Ordine nazionale dei Giornalisti con il sostegno della FNSI, denso di discussioni, confronti (alcuni anche molto accesi), mediazioni, racconti e rivendicazioni. Per una volta hanno parlato loro, abbiamo parlato noi, i precari del giornalismo, senza delegare nessuno.

Un clima di rabbia ha regnato nel cinema Odeon, con veemenza sono risuonate le parole di Ciro (portavoce del coordinamento giornalisti precari campani) che gridava contro i Cdr poco solidali e contro i sindacalisti che non difendono come dovrebbero i diritti dei precari.

Con la Carta di Firenze, approvata non senza qualche polemica, si inizia un percorso che sarà ancora lungo e complesso. Il documento infatti dovrà essere approvato dal Consiglio Nazionale dell’Ordine, per poi diventare uno dei capisaldi deontologici cui ciascun giornalista potrà fare riferimento.

Nel testo si parla di solidarietà fra i colleghi, degli obblighi a cui sono tenuti i dirigenti dei serviz, e delle responsabilità che si devono assumere gli stessi collaboratori nel rifiutare di lavorare per due euro a pezzo. Attraverso questo strumento i giornalisti sottopagati dovranno, invece, battersi per rivendicare il loro sacrosanto diritto di essere retribuiti dignitosamente, come vuole l’articolo 36 della Costituzione.

Non sarà facile. Molti, troppi gli interessi in gioco. Le parole sibilline e vaghe della Fieg la dicono lunga. Inoltre, non bisogna dimenticare che la Carta nasce quando è in vigore un contratto di lavoro nazionale che consente agli editori di pagare i collaboratori pochi euro a pezzo, e di poter disporre, a proprio piacimento, degli articoli dei non contrattualizzati, senza concordare con loro alcuna modifica. Ma è comunque un inizio.

È un inizio soprattutto essere stati lì, tutti insieme, essersi guardati in faccia, conosciuti e ascoltati. Tutti lì per dimostrare che nonostante la situazione del giornalismo italiano, nonostante i pochi spiccioli che prendiamo a pezzo, noi abbiamo ancora la forza di combattere, per la qualità di questo lavoro, armati delle nostre penne, delle nostre foto e delle nostre voci.
Perché questa è ancora una professione in cui crediamo. Siamo orgogliosi di fare questo mestiere perché fare il giornalista è un lavoro bello e importante per la funzione sociale che ricopre e non per il prestigio che dà. 

* Esecutivo di Puntoeacapo

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


dodici − sette =