SEMPRE PIU’ ISCRITTI ALL’ORDINE, SEMPRE PIU’ PRECARI NEL GIORNALISMO. IL 4 NOVEMBRE INIZIATIVA FNSI

Continuano ad aumentare gli iscritti all’Ordine dei giornalisti, cresce (ma si impoverisce ulteriormente) il lavoro autonomo, cala il lavoro subordinato e sparisce il turnover nelle redazioni mentre gli ‘attivi’ continuano ad invecchiare.

Sono i dati che emergono da un analisi di Lsdi  (Libertà di stampa, diritto di informazione) consultabile su www.lsdi.it , che sarà presentata ad un incontro organizzato dalla Federazione nazionale della stampa italiana (Fnsi) la mattina di venerdì 4 novembre in occasione della quarta giornata della campagna lanciata nel 2008 dalla Federazione europea dei giornalisti ‘Stand up for journalism’, dedicata quest’anno al problema del lavoro precario e della difesa dei freelance.

Un comunicato rende noto che i dati confermano la tendenza ad una ulteriore frammentazione della professione, con la presenza di almeno 50mila giornalisti ‘sommersi’, che non hanno alcuna posizione all’inpgi e non si sa se, e in quale modo, siano ‘attivi’.

Si approfondiscono anche le differenze di reddito fra lavoro subordinato e lavoro autonomo all’interno del quale solo il 26% degli iscritti hanno un reddito annuo lordo superiore ai 10mila euro all’anno. Fra i 25mila autonomi e parasubordinati la percentuale di chi denuncia redditi inferiori al 5mila euro lordi all’anno è cresciuta fra il 2009 e il 2010 dal 55,3 al 62%. Solo un giornalista su dieci denuncia un reddito superiore ai 25mila euro (10,4%), mentre fra i dipendenti a tempo indeterminato quelli che hanno un reddito superiore al 30mila euro lordi sono il 66,6%.

All’iniziativa parteciperanno, insieme a Franco Siddi e Roberto Natale, segretario generale e presidente della Fnsi, i presidenti degli istituti di categoria, Andrea Camporese (Inpgi), Daniele Cerrato (casagit), Enzo Iacopino (Ordine), Marina Cosi (Fondo pensione complementare dei giornalisti italiani) e la commissione Lavoro autonomo Fnsi.

Puntoeacapo parteciperà all’iniziativa.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


uno + quattordici =