AERANTI-CORALLO, SOSPESO IL CONGUAGLIO CASAGIT. LE GRAVI CONTRADDIZIONI DELLA FNSI

di Fabio Morabito * 

I colleghi con contratto Fnsi-Aeranti-Corallo (sono i giornalisti delle emittenti radio e tv locali) hanno stipendi così bassi che sono stati costretti a versare alla Casagit, oltre al prelievo in busta paga (in percentuale identico ai giornalisti con contratto Fnsi-Fieg) un conguaglio variabile. Un’ingiustizia. Finalmente questo balzello è stato sospeso, per decisione della stessa Casagit. Ora bisogna impegnarsi perché sia abolito.

Perché questo balzello va abolito?

Primo, perché va contro il principio di solidarietà che dà diritto al redattore ordinario di avere lo stesso trattamento sanitario del suo direttore. Entrambi hanno lo stesso prelievo in percentuale, ma la cifra versata alla Cassa è ovviamente molto diversa perché diversi sono gli stipendi.

Secondo: non è giusto chiedere soldi in più per l’assicurazione sanitaria se la Casagit è imposta dal contratto, e non c’è quindi la possibilità di un’altra opzione.

Terzo: nel contratto Fnsi-Fieg è prevista la possibilità di un conguaglio (ove la retribuzione del professionista risulti inferiore a quella annua minima del redattore con oltre 30 mesi di anzianità professionale). Ma nel contratto Aeranti-Corallo questa possibilità non è contemplata.

E allora come è nata la pretesa di chiedere un conguaglio? La decisione non è stata presa dalla Casagit, ma dalla Giunta Fnsi della precedente consiliatura. Una decisione spregiudicata, a cui la Fnsi si è guardata bene di dare pubblicità spiegando le motivazioni, e prendendosene la responsabilità.

La richiesta di conguaglio ha colpito l’80% dei colleghi con contratto Aeranti-Corallo. Una richiesta che si presta a obiezioni di illegittimità perché il contratto, come abbiamo detto, non lo prevede. Ed è per timore di far fronte a contenziosi ben motivati che la Casagit per ora ha deciso di sospendere la richiesta dei conguagli. Ora credo che la Fnsi debba sconfessare quella decisione che è stata presa come minimo con disinvoltura.

Da nuovo membro di Giunta ho subito proposto di sanare la questione del conguaglio, molto prima ancora di sapere che erano stati gli stessi dirigenti della maggioranza della Fnsi a pretendere questa “tassa” ingiusta.

Quando si è lavorato sul rinnovo economico del contratto Fnsi-Fieg, tra le proposte che ho fatto, c’era quella di far pagare agli editori una percentuale in più di contributi per la Casagit destinata a «fini sociali». Una cifra che non incide sulla busta paga (dalla quale i colleghi si vedono prelevare per la Cassa il 3,6%, ora come prima) ma che gli Editori devono versare in più.

Questa proposta è passata, anche se in piccola misura: si è concordato lo 0,05% di ogni stipendio, che al mese sono attorno ai due e tre euro per i giornalisti con una retribuzione media. In tutto è un tesoretto annuale valutato in circa 580mila euro. Non troppo poco, quindi.

Tra i fini sociali che ho suggerito nelle riunioni di Giunta c’era anche quello coprire l’entità dei conguagli Aeranti-Corallo. La mia idea era questa: eliminiamo i conguagli e facciamoci carico di stabilire un percorso sindacale che, in sede di trattativa Aeranti-Corallo, aumenti il contributo fuori busta pagato dagli editori per assicurare anche a questi colleghi una copertura sanitaria completa. A quel punto, i «fini sociali» potevano diventare altri: aiutare i cassintegrati e i disoccupati.

Per fortuna, come si diceva, è stata la stessa Casagit a decidere di sospendere la richiesta del conguaglio, anche sull’onda della protesta dei colleghi. Molti di loro si sono rifiutati di pagare il balzello. Ora il tesoretto per «fini sociali» può essere dedicato ad altre cause virtuose.

L’idea in Casagit è quella di coprire le spese per l’assistenza sanitaria di tutti i cassintegrati (fino a due anni). Spero che tutto quello che resta di questo ”tesoretto” serva per l’assistenza sanitaria dei disoccupati. E vorrei che la Casagit respingesse qualsiasi richiesta da parte del sindacato di mettere le mani su questi soldi.

Ho già sentito, in Giunta, un discorso che non mi piace. «Fini sociali è anche finanziare il sindacato», è stato detto. Vero. Ma il sindacato è finanziato dai suoi iscritti, mentre il prelievo per la Casagit viene fatto sugli stipendi di tutti i giornalisti, anche di quelli che liberamente hanno deciso di non essere iscritti alla Fnsi. Non penso sia una cosa di poco conto.

Oltretutto la Casagit (così come l’Inpgi) versa già un capitale al sindacato. Le due maggiori associazioni regionali di stampa, da sole, ottengono un contributo di oltre 430mila euro l’anno soltanto dalla Casagit. In cambio offrono lo sportello di assistenza Casagit con impiegati stipendiati dal sindacato. Si tratta, è evidente, di una somma che copre ampiamente le spese.

C’è già, quindi, un finanziamento indiretto. I soldi che la Casagit versa alla Fnsi per il fondo di assistenza ai disoccupati sono stati usati anche quest’anno per risanare il bilancio federale (con il voto favorevole, purtroppo, della stragrande maggioranza dei consiglieri nazionali). Perché mettere su un’altra forma surrettizia di finanziamento del sindacato, in modo non trasparente e peraltro anche non necessario?

Le più grandi associazioni regionali di stampa hanno ampiamente le risorse per la loro attività. Eppure, dalla Consulta delle associazioni regionali è stato approvato a larga maggioranza un documento che chiede alla Fnsi di poter attingere a quelle risorse di «fini sociali» che avevo proposto pensando ai colleghi meno tutelati o per i disoccupati, e non per soddisfare la bulimia di sindacalisti che non sanno amministrare le risorse a loro disposizione. 
 
* Componente della giunta Fnsi, esponente di Puntoecapo

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


8 − due =