L’INPGI E IL RE SOLE, COSI’ LA MAGGIORANZA SINDACALE SENTE IL NOSTRO ISTITUTO DI PREVIDENZA

di Cinzia Romano

I colleghi candidati alle elezioni Inpgi  che militano nella maggioranza di governo della Fnsi, così come dell’Inpgi e della Casagit, hanno chiamato la loro lista “L’Inpgi siamo noi”. 

Qualcuno tra di loro deve aver riletto recentemente  la grande parabola del Re Sole: “L’état c’est moi”.  E aver pensato che non è male quell’assolutismo monarchico  e di regime in cui lo Stato si identifica con il Re. E, di riflesso, con la sua corte.
Per qualche istante ho creduto che quel “noi”  risultasse poco inclusivo rispetto alle intenzioni dei candidati di maggioranza. Ma è durata proprio poco quella sensazione (quasi) positiva. In Lombardia, infatti, “L’Inpgi siamo noi” invita a votare 12 colleghi cancellando così l’esistenza e i diritti delle opposizioni. Il giornale dell’Associazione Lombarda pubblica solo le foto  dei candidati  “aggregati”  (ovviamente con il dovuto rispetto per il “caro leader”). Purtroppo
la certezza di poter “gestire” le elezioni con gli ammiccamenti piuttosto che con seri e rigorosi programmi, ha contagiato altre Associazioni regionali che, coerentemente, hanno deciso di sponsorizzare alcuni candidati, oscurando gli altri.  In giro per l’Italia le riunioni con il Presidente dell’Inpgi sono per élite esclusive.
Che tutti siano stati contagiati dal mito del Re Sole? Peccato che all’orizzonte non si veda né il sole né Versailles ma solo rischi per tutti noi.

Candidata al Comitato amministratore della gestione separata

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


2 × 4 =