TUTELA IL TUO PRESENTE E IL TUO FUTURO, VOTA INPGI FUTURO

Accendete il computer e votate per Inpgi Futuro. Lo diciamo a voi giornalisti più giovani perché è bene sottolineare che le pensioni del futuro vanno difese nel momento in cui il governo chiede la sostenibilità dei conti per 50 anni. Lo diciamo a voi pensionati nuovi e d’annata, perché se l’Istituto non avrà amministratori capaci e onesti potrebbe essere a rischio già da quest’anno la perequazione degli assegni. Lo diciamo a voi, precari giovani e vecchi, perché se c’è in futuro una speranza di welfare e di pensione questa sta in un istituto sano e forte.

Inpgi Futuro non è una lista di imbonitori che promettono miracoli a precari, attivi e pensionati, sapendo che tanto una volta eletti resteranno comunque in carica a gestire gli interessi di una ristretta casta di sindacalisti di professione, lontani dai problemi dei giornalisti.

Nei nostri spot abbiamo utilizzato la battuta del Giulio Cesare di Shakespeare, resa celebre anche dal film “Good night, and good luck”. “La colpa, caro Bruto, non è nelle nostre stelle, ma in noi stessi. Buonanotte, e buona fortuna”.

E’ proprio così. Nell’ultimo governo dell’Inpgi, i nostri consiglieri uscenti hanno garantito trasparenza, competenza e affidabilità. Nelle nostre liste trovate persone sempre a disposizione dei colleghi, qualcuno lo ha già dimostrato in precedenza, che daranno il massimo e  faranno il possibile all’interno della crisi in cui vive  complessivamente il nostro paese.
 
Fare il possibile significa rifiutare la logica degli stati di crisi selvaggi, resi possibili dall’attuale contratto, che aumentando a dismisura  i prepensionamenti mettono a rischio la pensione per chi ha già versato i contributi e rendono un punto interrogativo la pensione di giovani e precari. Per non parlare dei costi del contributo di disoccupazione, aumentati esponenzialmente a causa della fine dei rapporti di lavoro che le crisi spesso inventate dagli editori, col consenso della maggioranza che governa Fnsi, hanno aumentato a dismisura.

Fare il possibile significa una particolare e concreta attenzione alle problematiche della gestione separata, perchè troppo forte e insopportabile è la disparità di prospettiva pensionistica tra chi ha un contratto e chi non ce l’ha. Significa incalzare gli editori al rispetto dei diritti e del lavoro di quella parte del cielo giornalistico senza cui le testate sarebbero dimezzate di contenuti.
Proprio per questo richiamo alla concretezza ci sentiamo di denunciare le scorrettezze commesse in questa campagna elettorale da chi fin qua ha consentito lo strapotere dei proprietari di giornali, radio e televisioni. Sono state indette improbabili “giornate dell’orgoglio sindacale” in concomitanza con l’appuntamento elettorale per l’Inpgi.

Solo il controllo e il richiamo al rispetto delle regole dei componenti le liste di INPGI FUTURO ha impedito che venissero effettuate le votazioni per gli organi della previdenza, presso Stampa Romana, nella stanza accanto a quella in cui si terranno improvvisati seminari dell’ultim’ora su leggi e contratti.

Ultima trovata in ordine di tempo l’approvazione in fretta e furia da parte della giunta dell’Asr di una tessera per precari e freelance a prezzi scontati, a due anni dall’ultimo congresso che aveva approvato all’unanimità le mozioni con cui Puntoeacapo chiedeva quelle facilitazioni. Due giorni prima del voto Asr ha finalmente concesso gli “sconti” ai meno garantiti. Una curiosa coincidenza.

I nostri obiettivi in sintesi

– Tutelare la nostra pensione di oggi e di domani

– Contrastare il ricorso ingiustificato agli stati di crisi

– Contrastare le spese clientelari e ridurre i costi di funzionamento dell’Inpgi

– Destinare più fondi al welfare e alla protezione sociale dei contrattualizzati e dei precari

– Garantire la parità di genere

(Leggi se vuoi il nostro programma)

Per mantenere questi impegni chiediamo il vostro appoggio e vi chiediamo di estenderlo a tutta la squadra di Inpgi Futuro che corre nei collegi nazionali.

La posta in gioco vale il piccolo sacrificio di collegarsi al sito dell’Inpgi o eventualmente di venire al seggio.

Good night and good luck a tutti i giornalisti.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


uno × quattro =