MILANO, STAMPA DEMOCRATICA CONVOCA RIUNIONI ALL’INSAPUTA DEI SUOI ADERENTI. LA DENUNCIA DI ANDRIOLO

Riceviamo e pubblichiamo questa lettera aperta di Maurizio Andriolo, ex presidente dell’Associazione lombarda giornalisti, e di recente candidato nelle liste Inpgi Futuro.

“Per caso vengo a sapere che oggi (9 marzo) è stata convocata una riunione di Stampa Democratica. Alcuni colleghi di Stampa Democratica, tra cui io, sono stati però (volutamente?) non convocati. Eppure la serietà della situazione l’avrebbe imposto. Io tuttavia, in primis, ribadisco – come ho affermato nella scorsa riunione di Stampa Democratica a voce e per iscritto – che sono, mi sento, appartengo a Stampa Democratica. Così ribadisco oggi,  9 marzo 2012.

“Il dissenso per alcune scelte, il disaccordo per una linea politica supina (per me) non è materia per allontanamenti….

“Nelle recenti elezioni per l’Inpgi, il mio nome è stato liberamente richiesto, associato, utilizzato da moltissimi gruppi di colleghi in tutta Italia, ribadisco tutta, segno che sono uscito dalla limitatezza regionale delle correnti e dalle “protezioni” politiche. E’ motivo di orgoglio (e non solo per me), che io di Stampa Democratica (io, come altri colleghi) sia stato indicato a livello nazionale; del resto le regole elettorali per il nostro Ente prescrivono la volontà del singolo a concorrere liberamente e non stabiliscono l’intrusione di formazioni politiche o politicizzate e neppure  l’esistenza di “liste”.

“Nel ribadire che continuo a fare parte di Stampa Democratica, respingo l’idea che un “capo” o un qualsiasi “Comitato Centrale” autonominatosi, possa disporre o decidere l’appartenenza o meno alla Corrente e quant’altro”.


Puntoeacapo è completamente d’accordo con Maurizio Andriolo, solidarizza con lui, e segnala ancora una volta il senso della dirigenza della Lombarda per la democrazia.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


uno + undici =