CASAGIT, 350.000 EURO DALLE FINALITA’ SOCIALI ALLE ASSOCIAZIONI STAMPA. UNA SCELTA SBAGLIATA

di Corrado Chiominto *

Un sindacato forte è una garanzia per i lavoratori. Ma versare una quota delle risorse che il rinnovo economico biennale dell’ultimo contratto ha destinato a Casagit per finanziare invece le esangui casse delle Associazioni stampa regionali è una scelta sbagliata. E lo è ancora di più se queste somme erano state espressamente desinate a ‘’finalità sociali’’ e non per finanziare strutture del sindacato.

Mi sono opposto per questo, ed ho votato contro insieme ad altri due consiglieri di amministrazione, ad una delibera approvata dal consiglio di amministrazione di Casagit che  consente al presidente della Cassa di fornire alla federazione e alle Associazioni stampa regionali, oltre alle risorse che gia’ versa, ‘’nuove attribuzioni economiche’’ fino ad un massimo di 350.000 euro. Saranno nuovi fondi che si aggiungono ai circa 1.630.000 euro (585.000 alla Fnsi e 1.051.509 alle Ars) che la Casagit versa gia’ con la giustificazione del servizi che le associazioni stampa rendono alla Cassa nella gestione e raccolta delle pratiche di rimborso.

Il nodo e’ concreto perche’ toglie risorse che la Casagit potrebbe destinare ad altri. Ma ha anche un valore etico. I nuovi fondi che arriveranno alle strutture del sindacato vengono sottratti dallo 0,05% che i datori di lavoro, in base all’ultimo contratto, versano da primo gennaio 2012 a Casagit per ciascun giornalista ‘’per il perseguimento di finalita’ sociali’’. Si tratta per ciascuno di noi di pochi spicci – 2-3 euro al mese – che pero’ formano un ‘tesoretto’ di circa 600.000 euro. La Casagit ha gia’ in parte utilizzato le risorse per togliere il contributo che i giornalisti cassintegrati devono versare nel secondo anno di cassa (nel primo avevamo gia’ deciso di coprirlo con le risorse del bilancio). Queste si’ che sono finalita’ sociali.

Ma un sindacato con un sempre minor numero di iscritti (e quindi di trattenute in busta paga) ha subito puntato con attenzione a queste nuove risorse che quindi, per piu’ della meta’, saranno destinate alle associazioni stampa regionali. Sono finalita’ che  possono al piu’ essere definite organizzative o sindacali, non certo sociali. Potremmo dire che servono a finanziare i ‘’costi della politica’’ della nostra categoria: che, fatte le somme tra quanto gia’ concordato in passato e i nuovi 350.000 euro, arriverebbero cosi’ a poco meno di 2 milioni di euro l’anno. E penso che con queste risorse si sarebbero potuti fare tantissimi interventi: dalla detassazione delle colleghe durante la maternita’ obbligatoria alla previsione di maggiori rimborsi in caso di interventi oncologici, sempre piu’ numerosi e costosi.

I paradossi – ma e’ un eufemismo – della decisione sono anche altri. Gli iscritti alla Casagit, che versano i loro contributi obbligatoriamente, possono anche non essere iscritti al sindacato e quindi decidere di non volerlo finanziare. ‘’Ma i soldi fanno parte della quota che pagano gli editori per i giornalisti’’, mi e’ stato detto. Allora come non vedere qualcosa di perverso nel fatto che si finanzia un sindacato con le risorse versate dagli editori non alla categoria ma – e’ scritto nero su bianco – ‘’alla Casagit per il perseguimento di finalita’ sociali’’. Una stortura nella stortura.

Nella delibera – che tra l’altro e’ stata approvata senza che fosse espressamente prevista nell’ordine del giorno che parlava solo di aggiornamenti sulla convenzione della Fnsi solo sotto la voce ‘Comunicazioni del presidente’ –  e’ previsto per la prima volta espressamente ‘’la partecipazione della Casagit a tutte le trattative contrattuali sul Cnlg di interesse per la cassa, con particolare attenzione alla ricerca di nuove intese su rapporti di lavoro in grado di comprendere forme di adesione alla Casagit in tutte le sue articolazioni’’.

Credo che per il sindacato fosse un atto dovuto, anche poco rispettato nel passato. Ma averlo inserito nella stessa delibera con cui si danno ulteriori soldi alle sue strutture fa perdere sapore a questa piccola conquista che appare come l’articolazione di un ‘do ut des’ amaro nel quale la Federazione continua a mantenere una visione tolemaica poco adatta a un mondo nel quale la capacita’ di fare rete, ciascuno nella propria autonomia organizzativa ed economica, puo’ essere la reale forza di un cambiamento.

* Consigliere di amministrazione Casagit, esponente di Puntoeacapo

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


quindici − uno =