PRECARIATO, DOPO IL CASO FERRARA LA SOLIDARIETA’ DI PUNTOEACAPO A IACOPINO

Il dramma del precariato ci racconta di un giornalismo che sta cambiando radicalmente pelle e viscere. Migliaia di giovani ed ex giovani divenuti professionisti rappresentano ormai il classico “esercito industriale di riserva” ai confini della professione. Gli editori dispongono come vogliono delle risorse umane e ormai normali professionisti pagati semplicemente secondo contratto sono considerati “privilegiati” da chi si accontenterebbe di mille euro per poter lavorare a tempo pieno. In tutto questo ha brillato e brilla l’assoluta inconsistenza della Fnsi.

Due lampi hanno squarciato questo velo nell’ultimo anno e sono venuti da iniziative direttamente proposte o fortemente supportate dall’Ordine nazionale dei giornalisti e in particolare dal presidente Enzo Iacopino. La prima è stata la Carta di Firenze, vale a dire il tentativo di inserire nelle regole cogenti della professione il rispetto della dignità umana ed economica dei giornalisti, a partire appunto dai precari. La seconda iniziativa è consistita nel sostegno all’approvazione della legge sull’equo compenso, che ormai pare sulla dirittura d’arrivo.

Accade a Ferrara che l’Associazione stampa locale pensi di organizzare un premio dedicato al giornalista precario, dedicandolo a Giovanni Tizian, cronista emiliano minacciato dalla ‘ndrangheta, e appunto a Enzo Iacopino. La scelta non è andata giù al vertice dell’associazione regionale, noto tanto per dirne una per avere rifiutato di dare uguale visibilità a tutte le candidature presentate alle ultime elezioni Inpgi.

Risultato: dimissioni dei vertici ferraresi e annullamento del premio.

E’ un “metodo di lavoro” che Puntoeacapo conosce benissimo: criminalizzare l’avversario sindacale e politico nel tentativo di annullarlo. Nel Lazio come in Lombardia con noi hanno tentato di fare la stessa cosa da sempre, ma quasi sempre hanno sbattuto il grugno.

Intorno a tutto questo il nulla cosmico. Una Federazione che cura benissimo i propri interessi intascando contributi Casagit anche non dovuti e chiedendo sempre più soldi all’Inpgi. Associazioni Stampa che servono a perpetuare il potere attraverso la distribuzione di cariche e prebende agli amici. Un metodo che noi non accetteremo mai, anzi che contrasteremo sempre e sempre di più, lo sappiano tutti.

In definitiva esprimiano una non formale solidarietà a Iacopino e ribadiamo l’impegno a lavorare pancia a terra per il mondo del precariato, ormai terza costola del giornalismo insieme al lavoro subordinato e ai pensionati.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


dieci − due =