NUOVO DIRETTORE DELL’ASR, LA MAGGIORANZA CONFERMA IL SENSO PROPRIETARIO NELLE ISTITUZIONI

Dal primo giugno Stampa Romana ha un nuovo direttore nella persona di Beatrice Curci. Curci, giornalista, sostituisce Ninfa Paoli, che ha lasciato il suo incarico per andare in pensione. Durante l’ultima riunione del direttivo, mercoledì 6 giugno, Puntoeacapo ha sollevato una questione di opportunità e di metodo relativamente alla nomina.

Pur premettendo che non esiste nessuna valutazione di tipo personale, il portavoce di Puntoeacapo Carlo Chianura ha ricordato che Curci è consigliere nazionale della Federazione della Stampa nonché tra i portavoce nazionali della componente Fnsi “Autonomia e Solidarietà”. Una appartenenza non ininfluente, considerando la composizione della attuale maggioranza dell’Asr.

“Elementari regole di comportamento”, ha osservato Chianura, “avrebbero richiesto che il direttivo fosse messo al corrente della nomina prima della decisione della giunta, cui spetta per statuto questa decisione. Nè va sottovalutato il fatto che Stampa Romana aveva già a disposizione tre vicedirettori, tra i quali si sarebbe potuto scegliere il successore di Paoli senza ulteriormente gravare sulle casse già provate dell’Associazione”. “Opportuna” infine la decisione di optare per un incarico a tempo determinato per un anno, trattandosi di una scelta di tipo fiduciario.

Nella sua replica, il segretario di Asr Paolo Butturini ha parlato di “scelta positiva” anche per il fatto che Curci è giornalista. Non vi è poi incompatibilità con gli altri incarichi, in quanto Curci rassegnerà in queste ore le dimissioni dagli altri incarichi.

Resta intatto, a parere di Puntoeacapo, il significato politico della vicenda, che richiama e conferma il senso proprietario che la maggioranza nutre, salvo rare eccezioni, in tutte le rappresentanze della categoria.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


12 − 3 =