EQUO COMPENSO, LE PAROLE NON CREDIBILI DELLA FNSI

Subito la legge sull’equo compenso, non accetteremo dalla Fieg comportamenti “da sciacalli” sulle casse dell’istituto di previdenza dei giornalisti. Parole forti, quelle contenute nel documento odierno della Fnsi. E, diciamolo subito, sembra di sognare.

A parlare di scacalli nei confronti dell’Inpgi è la stessa Fnsi che ha promosso, legittimato e sostenuto per tre-anni-tre decine di stati di crisi di aziende editoriali, anche i più fantasiosi e spregiudicati. Settecento prepensionamenti che hanno messo letteralmente in ginocchio l’istituto di previdenza.

Ora, come parcheggiatori abusivi che mandano a sbattere le auto e poi dicono al malcapitato automobilista: “Dotto’, veda un po’ che ha combinato”, dicono a noi tutti: guardate che stanno combinando questi della Fieg.

Ah, ma loro, adesso, negheranno qualche firma. Li vogliamo vedere quando diranno no all’editore di turno che, con bilanci in attivo o misteriosamente in rosso, pretenderanno l’ennesimo stato di crisi. Basterà un’occhiata ed ecco che lo sciacallo si trasformerà in un magnifico destriero.

 

  

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


17 + sei =