INPGI, CAMPORESE: NON CI SONO PREOCCUPAZIONI PER IL FUTURO, SUPEREREMO L’ESAME IMPOSTO DALLA FORNERO

L’Inpgi è al lavoro per garantire un futuro di solidità e di solidarietà all’istituto per i prossimi decenni. La stabilità dei conti è confermata dalla stessa Corte dei conti. E’ il senso di una presa di posizione del presidente Andrea Camporese, che interviene dopo la relazione della Corte dei conti.

La relazione della Corte dei conti sulla gestione finanziaria dell’Inpgi ripercorre e conferma le difficoltà congiunturali che vive il settore dell’editoria, l’opportunità e la validità delle riforme adottate, la solidità del patrimonio dell’Ente.
Il richiamo ad un severo monitoraggio degli interventi correttivi adottati è per la struttura e la storia dell’Istituto non solo da accogliere ma si sostanzia in pratiche quotidiane.
La sottolineatura rispetto all’obbligo di rispettare la norma di legge che prevede la sostenibilità a 50 anni, che non sarebbe rispettata tra gli anni 2023 e 2040, appare superata dalle nuove proiezioni attuariali che si stanno predisponendo.
L’entrata in vigore della riforma, in particolare per il primo punto di aumento di aliquota previdenziali operativo dal primo gennaio 2012, la proiezione dei parametri forniti recentemente dai Ministeri vigilanti riguardanti i trend di inflazione, occupazione e Pil sul lungo termine, e l’utilizzo del rendimento del patrimonio, pur con un tetto fissato all’1% oltre l’inflazione, migliorano ulteriormente il quadro di sostenibilità.
“In attesa che l’attuario completi il suo lavoro – afferma il Presidente Andrea Camporese – posso anticipare che lo stato di salute dell’Ente è tale da rientrare nella norma di stress-test prevista nel “Salva Italia”. D’altro canto, come sottolinea la stessa Corte in riferimento al bilancio attuariale 2009, il patrimonio accantonato non viene mai eroso nei 50 anni a venire. Non solo, tra cinquanta anni passeremo da circa 2,3 miliardi di euro di riserva attuali ad oltre 10. In presenza di questo quadro qualsiasi preoccupazione sulla tenuta prospettica dell’Inpgi appare ingiustificata. Come ho avuto molte volte modo di sottolineare – continua il Presidente – l’attenzione rispetto ad un mercato del lavoro gravemente depresso esiste e ci chiama a grandi responsabilità in stretta connessione con le parti sociali. Gli indicatori occupazionali contingenti negativi rivestono un valore relativo su proiezioni attuariali di così grande gittata. Le uscite, rilevanti, per ammortizzatori sociali non possono che essere considerate un valore nel senso della solidarietà e della coesione sociale. Lo stato dell’occupazione e la difficoltà nel mettere in campo elementi anticiclici nel Paese non aiutano. Rivendichiamo, la scelta di mettere in campo forti sgravi per la stabilizzazione  a tempo indeterminato, unici in Italia per quantità, quale scelta di coraggio e consapevolezza. Presentarsi al test della sostenibilità a 50 anni con le carte in regola non significa – conclude il Presidente Inpgi – che si possa aderire ad una semplice visione matematico finanziaria della previdenza, né che possano essere tollerate invasioni di campo nell’ambito dell’autonomia che rivendichiamo piena e validata dal rigore della gestione e dall’efficienza di un sistema di regole che non ho difficoltà a definire più equo e più efficiente del contributivo pro rata”.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


dodici + 12 =