EQUO COMPENSO, NO DELLA FORNERO. IACOPINO: LA VERGOGNA E’ CONSUMATA

“Il ministro Fornero ha detto ‘no’ all’approvazione della legge sull’equo compenso”. Ad annunciarlo è Enzo Iacopino, presidente dell’Ordine nazionale dei giornalisti, che commenta: “La vergogna si è consumata”.

Per Iacopino, il ministro “smentisce lo stesso governo del quale fa parte che aveva dato un parere favorevole in occasione della prima lettura e oltraggia la volontà della Camera, che aveva approvato la norma alla unanimità. Cadono nel vuoto l’appello del presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, e del presidente del Senato il quale, d’intesa con il senatore Pasquale Giuliano, che presiede la commissione Lavoro, saprà certamente tutelare le prerogative del Parlamento. Il parere del governo non è, infatti, vincolante”.

“Una domanda: agli interessi di quale lobby risponde un atteggiamento come questo? Un secondo quesito: davvero – si chiede Iacopino in conclusione – i parlamentari decideranno di far spazzare via da un diktat una azione di moralizzazione nel delicato mondo dell’informazione?”.

“Non vedo la necessità di una norma ad hoc”: così il ministro del lavoro, Elsa Fornero, commenta la questione sull’equo compenso per i giornalisti, riferendo di avere espresso nel suo parere alla Commissione Lavoro del Senato, “perplessità”. “Sarebbe strano – ha aggiunto il ministro – estrapolare dal complesso dei lavoratori atipici questa categoria. Delle disparità per le giovani generazioni ci siamo già occupati nella riforma ed è già previsto un monitoraggio che riguarda tutti i collaboratori”.

“E’ molto grave la chiusura del ministro Fornero rispetto ad un testo condiviso e aspettato da tanti giovani precari attivi nel lavoro giornalistico”: è il giudizio del senatore Pd Vincenzo Vita, vicepresidente della commissione Cultura. “Speriamo in un ripensamento del governo”.

La Fnsi “non starà a guardare. Il provvedimento per l’equo compenso è una risposta di civiltà contro il vero e proprio ‘caporalato’ che affligge larghe aree dell’informazione, e permette a troppi editori senza scrupoli di sfruttare oltre ogni limite il lavoro dei giornalisti praticando, inoltre, una concorrenza sleale ai danni degli imprenditori corretti. Il governo non può dire di voler combattere la precarietà e l’illegalità nel lavoro e poi apparire e essere incoerente. Peraltro, nel Paese che assume a tempo indeterminato il direttore generale della Rai, è semplicemente inaccettabile che debbano continuare ad essere ‘flessibili’ coloro che vengono pagati 3 euro a pezzo”.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


sei + 16 =