CASAGIT, LO SCIVOLONE DI BUTTURINI E IL SINDACATO DA CAMBIARE

di Corrado Chiominto *

Un sindacato moderno per aumentare i propri iscritti deve saper offrire non solo rappresentanza, ma anche nuovi servizi. Deve saper fare rete con tutte le articolazioni di categoria, lealmente. E, soprattutto, non deve e non può far passare il taglio di un servizio come un suo miglioramento.

Sono le tre bucce di banana sulle quali è scivolato il segretario dell’ Associazione Stampa Romana Paolo Butturini. Senza nemmeno avvisare il fiduciario Casagit e le strutture nazionali della nostra cassa, ha deciso e comunicato con una nota ai Cdr delle principali testate romane di chiudere dal primo ottobre il servizio di ritiro delle pratiche di rimborso dalle cassette distribuite nelle redazioni delle principali testate romane. Di fatto ha annunciato la sostituzione del servizio di raccolta nelle redazioni con l’invio di “un delegato della Asr”  nelle redazioni, chiedendo ai colleghi di “consegnare esclusivamente” le pratiche “nei due giorni al mese”. 

Inutile dire che le proteste dei colleghi e la garbata lettera ‘’diplomatica’’ inviata dal fiduciario Casagit del Lazio Mario Antolini devono aver illuminato Butturini sull’errore fatto. Con comunicato-capriola ha fatto dietrofront. Il servizio rimarrà  (tranquilli, Casagit in caso contrario lo avrebbe garantito comunque). La presenza del “delegato dell’Asr” sarà in aggiunta per dare consulenza sindacale, previdenziale e assistenziale.

La vicenda è certo illuminante sull’incapacità del nostro sindacato di saper fare rete. Solo venerdì i vertici di Casagit e il fiduciario del Lazio avevano incontrato i dipendenti che negli uffici di Via della Torretta curano le pratiche dei colleghi per un aggiornamento sui ‘’nuovi profili’’.  Nulla è emerso in quell’incontro.  Peccato, perche’ Casagit gira dal proprio bilancio molti soldi all’Associazione Stampa Romana in cambio dei servizi di raccolta e invio delle pratiche rese ai colleghi.

Non aver avvisato il fiduciario Casagit e’ poi uno sgarbo vero. Non e’ solo uno sgarbo istituzionale per il ruolo che Antolini riveste.  E’ un voler ignorare un fiduciario molto attivo e presente negli uffici di Via della Torretta e anche in quelli di via Marocco; un fiduciario che – e’ bene ricordare – e’ espresso dalla componente Puntoeacapo ma svolge il suo ruolo senza casacca, tanto da essersi conquistato grande apprezzamento anche negli incontri nazionali di Casagit.

Ma quali sono le ragioni della decisione, poi rimangiata, di Butturini? Qualcuno mi ha suggerito che tutto nascerebbe dal desiderio di riconquistare nuovi iscritti al sindacato tra i colleghi-utenti di Casagit. Nella nostra Cassa sono rappresentati tutti i colleghi contrattualizzati (e non solo), con un numero sempre crescente di non iscritti al sindacato. Ma non credo che quel che mi e’ stato suggerito sia cosa vera. Sarebbe almeno poco elegante chiedere ai colleghi di aderire al nostro sindacato mentre presentano rimborsi sanitari. Senza contare, poi, che mentre con una mano si rivendicano meriti, con l’altra mano si e’ gia’ ottenuto un lauto riconoscimento dalla Casagit per i servizi resi.

Io certo vorrei un sindacato piu’ forte. Non quello che appare da questa vicenda.

* Consigliere di amministrazione della Casagit, esponente di Puntoeacapo

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


17 − 6 =