CASAGIT, MARCIA E RETROMARCIA DI STAMPA ROMANA SULLA RACCOLTA DELLE PRATICHE IN REDAZIONE

Via dalle redazioni le tradizionali cassette per raccogliere le pratiche Casagit. Anzi, contrordine: le cassette restano dove sono. Sono le decisioni surreali di Stampa Romana, che sembrano fatte apposta per disorientare i colleghi.

Tutto è nato con una comunicazione del segretario di Stampa Romana Paolo Butturini ai cdr dei quotidiani e delle testate romane in cui si annunciava l’eliminazione delle cassette raccogli-pratiche, sostituite due volte al mese da un incaricato di fiducia di Asr (o per meglio dire della sua maggioranza) che avrebbe da un lato raccolto personalmente le pratiche, dall’altro dato consulenze ai colleghi.

Immediate si sono levate nelle redazioni le proteste, legate al fatto che veniva di fatto eliminato un servizio così pratico e utile per trenta giorni al mese, sostituito da due interventi mensili, per quanto ad personam.

Dopo le riserve espresse a tutti i livelli dalla Casagit, la retromarcia di Butturini. “A seguito dei contatti tra il Segretario dell’ASR Paolo Butturini e il Presidente della Casagit Daniele Cerrato, si precisa che per non penalizzare i colleghi l’utilizzo della cassetta resterà comunque a disposizione nelle redazioni, e che inoltre verrà dato ai colleghi un ulteriore servizio con la presenza, di due volte al mese, di un delegato dell’ASR per fornire anche consulenza sindacale, previdenziale e assistenziale”.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


tre × quattro =