STAMPA ROMANA, BILANCIO IN ROSSO. PUNTOEACAPO: TRASPARENZA ZERO, NON PARTECIPIAMO AL DIRETTIVO

Stampa Romana, la più grande associazione regionale dei giornalisti insieme alla lombarda, presenta per il secondo anno consecutivo un bilancio in rosso. Un rosso di decine di migliaia di euro, cui si è aggiunta la decisione di attingere al “salvadanaio” dell’Associazione, vale a dire il fondo di dotazione.

E questo avviene nonostante l’Inpgi e la Casagit abbiano versato l’anno scorso alla Romana un contributo complessivo di ben 550.000 euro. Soldi di tutti, anche di chi non è iscritto al sindacato.

Siamo di fronte a un passivo che viene da lontano, ma non di molto, visto che i bilanci presentati quando Puntoeacapo era nella maggioranza di governo di Stampa Romana furono rigogliosi di risultati sindacali ma anche economici.

Negli ultimi due anni abbiamo assistito alla crescita esponenziale delle spese di funzionamento dell’associazione.

Alla fine del congresso del 2010 avevamo denunciato la scelta della maggioranza di non destinare alla opposizione nessun ruolo tra i revisori dei conti.

Quando quest’anno abbiamo cercato com’era nostro dovere di vederci chiaro, chiedendo di accedere alle fatture e alla documentazione che ha reso possibile questa dèbacle, ci siamo visti recapitare il solo bilancio e per giunta a soli tre giorni dallo svolgimento del Consiglio direttivo, in programma giovedì 27 settembre.

Insomma: in un periodo in cui tutti, a partire dai giornalisti, reclamano trasparenza e contenimento dei costi, una gloriosa associazione sindacale spende per il suo funzionamento quasi un milione e quattrocento mila euro e nega l’elementare diritto di accedere a dati che sarebbero di libera consultazione anche in una assemblea di condominio.

Puntoeacapo ha contestato al segretario dell’Asr Paolo Butturini i gravi comportamenti messi in atto, ricevendo una risposta che minimizza elementari obblighi di legge e di opportunità.

La nostra componente ritiene a questo punto che ci voglia un segnale deciso, che sia necessario opporre una forte risposta politica che non può limitarsi a un voto contrario in consiglio direttivo, voto formalmente importante ma di fatto insignificante, ma deve puntare alla denuncia politica in tutte le sedi possibili.

Ci troviamo di fronte a inadempienze gravi, consistenti in una opacità dei comportamenti e nella impossibilità di poter svolgere da opposizione almeno il doveroso compito di vigilanza e controllo.

Un compito cui chiamiamo quella parte della maggioranza che sappiamo sensibile al rispetto delle regole e della trasparenza.
La scelta più giusta è quella di non partecipare al consiglio direttivo. Abbiamo consultato il consigliere Amedeo Ricucci, che è sulle nostre stesse posizioni. Alla presidente Rita Mattei e al segretario abbiamo inviato un documento che motiva la nostra decisione, con la richiesta formale di metterlo a verbale del direttivo di giovedì 27.

Più sotto indichiamo alcune criticità tecniche, che accompagnano il nostro giudizio politico.

Riteniamo che una risposta alla crisi del sindacato debba essere data con le cose che si fanno e non si fanno. La nostra testimonianza, questa volta, potrebbe essere un buon segnale.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


18 + 3 =