STAMPA ROMANA, ROSSO DI 31.529 EURO. EROSA LA RISERVA. IMPOSSIBILE CONSULTARE I DOCUMENTI CONTABILI

Il bilancio 2011 dell’Associazione Stampa Romana chiude in rosso per 31.529 euro (nel 2010 la perdita era stata di 40 mila 494 euro). Pertanto tutti e due gli ultimi bilanci sono stati negativi.

ECCEZIONI FORMALI
La bozza di bilancio è stata inviata appena 3 giorni prima della sua approvazione da parte del Consiglio Direttivo, ma doveva essere sottoposta ai consiglieri almeno 15 giorni prima, come prevede la legge (articolo 2429 del codice civile) per consentire a tutti i componenti del Direttivo di poter votare consapevolmente. Inoltre andava corredata anche dalla relazione del Collegio Sindacale (articolo 45, 2° comma dello Statuto).
Peraltro sulla bozza di bilancio doveva preventivamente deliberare anche la Giunta Esecutiva Asr ex articolo 22, lettera c, dello Statuto.
Non è stato consentito ai consiglieri di consultare i documenti giustificativi della spesa, diritto che peraltro dovrebbe essere garantuito a tutti i soci della onlus Associazione Stampa Romana.
In ogni caso, ai sensi dell’articolo 18, quarto comma, dello Statuto, il bilancio dell’esercizio sociale al 31 dicembre 2011, composto dallo stato patrimoniale e dal rendiconto economico, accompagnato da una relazione sulla gestione, doveva essere sottoposto all’approvazione del Consiglio Direttivo dell’Asr entro quattro mesi dalla chiusura dell’esercizio, cioè entro il 30 aprile 2012. Siamo, invece, fuori tempo massimo di circa 5 mesi.
Si continua a eludere, come è avvenuto anche lo scorso anno, una precisa norma statutaria, perché l’unica altra strada percorribile per legge è solo quella di modificare lo Statuto, spostando la chiusura del bilancio dal 31 dicembre dell’anno precedente al 30 giugno dell’anno in corso.

ECCEZIONI NEL MERITO
La perdita di bilancio secondo il segretario Paolo Butturini sarà coperta dal Fondo di dotazione di 122 mila 851 euro.
Le disponibilità liquide di Stampa Romana sono diminuite di circa il 25%, scendendo dai 305 mila euro del 2010 a 232.542 del 2011 (-72.458 euro).
L’ASR ha speso nel 2011 ben 57.762 euro per 20 cause portate avanti nell’interesse degli associati. Ma nulla si dice sulle possibilità di recupero anche parziale di tale ingente somma.
E’ impossibile formulare un giudizio completo sul bilancio, sia per i tempi stretti della sua diffusione, sia perché non è data la possibilità di accedere alle pezze di appoggio. Ne consegue che molte voci restano indefinite, come avvolte nella nebbia, anche perché la nota integrativa e la relazione del tesoriere sono talvolta piuttosto laconiche.
Ci riferiamo, per esempio, alle voci «Acquisti» (quali e perché, quanto pagati e a chi?), oppure «Costi personale» (quanti straordinari a chi e come motivati?) o ancora «Contributi di solidarietà» (a chi, quali quote pro capite, quali criteri di scelta?).
Inoltre, alcune voci meriterebbero maggiore trasparenza: le «Spese di rappresentanza» per 9.991 euro, o le spese «Trasporti e rimborsi» per 22.190 euro. E poi, tutte le voci «Altre»: altre collaborazioni (9.000 euro), altre consulenze (4.877 euro, dopo i circa 29.000 per consulenze amministrative, legali e paghe), altre spese istituzionali (32.046 euro).
Nella sua relazione Butturini non spiega che il provento di 323.892 avuto dall’INPGI per il funzionamento dell’Ufficio di Corrispondenza non è più un contributo liberale come avveniva in passato, ma un ristoro di spese documentate dell’Asr in favore e nell’interesse dell’Inpgi.
Vanno quindi riviste e confrontate una ad una tutte le «voci» di spesa indicate dall’Asr all’inizio di quest’anno e saldate dall’Inpgi. Analogamente anche il compenso del Fiduciario Inpgi di 14 mila 717 compreso nel suddetto provento va assoggettato a trattenuta Irpef e al pagamento dei contributi previdenziali Inpgi 2.
Se non ha più i mezzi economici di una volta, l’Asr può continuare a pagare un pesante affitto all’Inpgi di 87.368 euro l’anno per circa 360 metri quadri coperti? Non converrebbe locare una sede meno costosa, tenendo conto anche che oggi vi é una notevole disponibilità per la crisi del mercato degli uffici?
Infine va risolto il delicato problema delle quote versate dai giornalisti pensionati del Lazio e di fatto ignorato dal bilancio.
Butturini sostiene di aver versato lo scorso anno al Gruppo Romano Giornalisti Pensionati, da me presieduto, 4 mila 589 euro (pari al 5% dei contributi incassati sulle quote trattenute dall’Inpgi sullo 0,30% dei giornalisti pensionati del Lazio). Sennonché, a prescindere dal fatto che sinora il Gruppo Romano Giornalisti Pensionati non ha incassato neppure un euro da Butturini, va ricordato che egli si era impegnato per iscritto 2 anni fa con tutti i pensionati del Lazio a versare al Gruppo Pensionati non il 5% della quota incassata dall’Asr sulla trattenuta Inpgi (come unilateralmente ora da lui deciso), ma il 25% della quota incassata dall’Asr sulla trattenuta Inpgi, cioé 22.945 euro (anziché 4.589 euro indicati in bilancio). Vi è quindi una differenza di oltre 18 mila euro a favore del Gruppo Pensionati su cui discutere.
A sua volta il Gruppo Romano Giornalisti Pensionati dovrà riversare all’Ungp (Unione Nazionale Giornalisti Pensionati) una parte di quanto incassato dall’Asr. E’ evidente che la mancanza di fondi, dovuta al mancato rispetto di impegni scritti da parte di Butturini, determina una situazione di stallo per il Gruppo Romano Giornalisti Pensionati che è oggi di fatto impantanato (non si possono neppure approvare i bilanci perché il Direttivo dell’Asr da oltre un anno non nomina i sindaci del Gruppo, statutariamente di sua competenza). Una situazione che rischia di diventare irreversibile perché impedisce qualsiasi tipo di iniziativa con i Soci iscritti.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


4 × due =