STAMPA ROMANA, PUNTOEACAPO CHIEDE UNA SPENDING REVIEW PER SANARE IL BILANCIO DELL’ASSOCIAZIONE

Ci aspettavamo maggiore sensibilità e attenzione sullo stato dei conti della Associazione Stampa Romana da parte della maggioranza, che invece ha preferito arroccarsi in una posizione di assoluta e ostinata chiusura alle richieste di Puntoeacapo di visionare la documentazione di spesa del Bilancio 2011.

E soprattutto, dopo che per il secondo anno consecutivo il bilancio della Asr si chiude in rosso (oltre 31 mila euro nel 2011, dopo gli oltre 40 mila euro di passivo del 2010), ci aspettavamo una cura e una attenzione alla spesa, che invece non sembrano preoccupare la maggioranza.

Allora, con chiarezza, diciamo che è il momento di procedere ad una decisa azione di contenimento dei costi, al fine di realizzare risparmi dove sembrano più praticabili. Ci è stato riferito che al termine del direttivo durante il quale, con l’assenza dei consiglieri di Puntoeacapo e di Amedeo Ricucci, è stato approvato il Bilancio 2011 la segreteria ha annunciato la convocazione di un direttivo straordinario dedicato ai costi dell’Associazione. Una iniziativa apprezzabile, di cui però non vediamo finora traccia alcuna sul sito ufficiale di Asr.

 

***

 

Se questo direttivo ci sarà, noi di Puntoeacapo cercheremo di dare il nostro contributo. Con un paio di anticipazioni e una avvertenza fondamentale.

Cominciamo a indicare alcuni settori di possibile intervento: le voci “acquisti”, “consulenze”, “spese di rappresentanza”, “trasporti e rimborsi”, complessivamente valgono quasi 110.000 euro. Intervenire in questa direzione è secondo noi possibile e doveroso.

Inoltre, riteniamo che ci sia un altro terreno di possibile risparmio: per le polizze infortuni e malattia a giornalisti freelance associati, la Asr ha speso nel 2011 oltre 19 mila euro, che la stessa Nota integrativa al bilancio definisce “costo rilevante”. Ebbene, i Nuovi Profili organizzati da Casagit probabilmente possono dare risposte ugualmente valide e certamente assai meno onerose rispetto ad alle polizze assicurative oggi sul mercato. Anche qui, dunque, una auspicabile trasparenza contabile potrebbe portare a notevoli risultati positivi.

L’avvertenza è la seguente: è evidente che una concreta azione di risparmio può svilupparsi soltanto avendo ben chiaro il punto di partenza, cioè la documentazione di spesa: quella storica, relativa al bilancio 2011, e soprattutto quella in corso in questi primi nove mesi del 2012. Altrimenti, non si saprebbe di che cosa si parla ed ogni iniziativa sarebbe assolutamente velleitaria.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


diciannove − 2 =