EDITORIA, LEGNINI RIUNISCE ENTI E PARTI SOCIALI. EDITORI: RIFINANZIARE LA 416. FNSI PASSIVA

Il Governo sta ultimando il pacchetto di misure di sostegno al settore dell’editoria che faranno parte di un provvedimento organico da inserire, a quanto apprende l’Adnkronos, nella legge di stabilità.

Terminata la ricognizione con le parti, il punto finale sarà fatto dal sottosegretario alla presidenza del Consiglio, con delega all’Editoria, Giovanni Legnini nel tavolo che riunirà martedì editori, giornalisti e gli altri attori della filiera. A loro Legnini illustrerà gli interventi del provvedimento che ha l’obiettivo di contrastare la crisi del settore puntando innanzitutto sul sostegno all’innovazione e sulla digitalizzazione e l’online, sul riordino della filiera fino all’edicola e sul ricambio generazionale. Su questo terreno, è previsto il rifinanziamento della legge 416 per le aziende in crisi.
La volontà di definire interventi ad hoc da parte del Governo ha ricevuto di recente l’appoggio del Parlamento con il via libera della commissione Affari Costituzionali del Senato, della risoluzione, votata a larga maggioranza con la sola astensione del M5S, di sostegno alle linee programmatiche sull’Editoria, presentate da Legnini alle commissioni parlamentari competenti sul settore. Un atto di indirizzo che lo stesso sottosegretario ha definito dopo l’approvazione di giovedì scorso “molto importante” in un momento di “crisi acuta” del settore.
Per il segretario della Fnsi Franco Siddi la risoluzione “non può restare, solo un auspicio”. Serve dunque un’accelerazione “sul piano degli interventi necessari e qualificanti di una nuova politica per l’editoria e per il lavoro”. A giudizio di Siddi “l’atto di indirizzo del Senato ha un valore politico che deve, perciò, tradursi ora in Parlamento in atti concreti sul piano della legislazione economica e finanziaria”. (Adnkronos)

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


sette − 2 =