ROTTAMAZIONE DEI GIORNALISTI, SOLDI AGLI EDITORI, PER IL RESTO TANTO FUMO: LE “NOVITA'” DELL’ACCORDO

di Carlo Chianura
Portavoce di Puntoeacapo

I resoconti sull’accordo “di filiera” sulla editoria che è stato raggiunto con la supervisione del sottosegretario Legnini ci dicono che la notte e il giorno possono tranquillamente convivere. Si possono mandare (rimandare) a casa centinaia di giornalisti nel pieno della loro maturità professionale e si possono assumere migliaia di giovani giornalisti attualmente disoccupati.

Si possono dare 50 milioni di euro all’anno al settore (cioè agli editori) e non dubitare che gli editori investiranno di tasca propria per rivitalizzare il comparto. Si pensa di incentivare le start up imprenditoriali nei new media e nello stesso tempo di poter tutelare il diritto d’autore.
In questo protocollo d’intesa c’è davvero tanta roba. Troppa. Viene da pensare che sia necessario sfogliare il carciofo per arrivare al cuore vero della questione, cioè il significato più autentico di questo accordo: la rottamazione bis di centinaia di giornalisti a spese della collettività (cioè dello Stato) e delle casse previdenziali (cioè dell’Inpgi).
Eppure il celebratissimo in queste ore Jeff Bezos appena ha acquistato il Washington Post ha scritto una lettera ai giornalisti per rassicurarli sul fatto che il vero patrimonio di quel giornale sono loro. Quanta differenza con l’Italia.
Facciamo una scommessa?  Fatto cento il totale delle belle e impossibili cose contenute nell’accordo Legnini, scommettiamo che se ne realizzerà il venti per cento e che questa percentuale sarà data soprattutto dal calcio nel sedere alle professionalità ventennali e trentennali che dovrebbero essere ritenute, si scusi l’immodestia, patrimonio dei giornali e anche della democrazia italiana?
Diciamoci dunque la verità: con la scusa più che reale della crisi e del crollo della pubblicità gli editori puntano beceramente a tagliare il costo del lavoro. Non gliene frega niente della loro middle class formata da gente che da decenni è al desk o alla scrittura: è stata, è, la spina dorsale dei giornali: pensano ora di poterla sostituire con una massa di tartassati da pagare quattro soldi dopo che saranno riusciti a massacrare definitivamente il contratto, semmai ricorrendo abusivamente a prepensionati come avviene da anni nel silenzio più assoluto.
Si rottama e si assume? Siamo sicuri che il giorno e la notte possano convivere? Vediamo di rinfrescare la memoria a noi tutti.
– La legge vieta che in presenza di uno stato di crisi ci siano assunzioni. Dunque attenti al fumo e alle parole d’ordine vuote.
– Chi tra i giornalisti ha avallato nel recente passato stati di crisi ingiustificati si è fatto prendere in giro dalla questione del ricambio generazionale: quanti possono davvero dire di avere lucrato sul prepensionamento dei colleghi?
– Le casse dell’Inpgi sono già gravemente provate: e ora che si fa? Si attivano nuovi stati di crisi e si perdono contributi pesanti in cambio nella migliore delle ipotesi di contributi di praticanti?
– E’ abbastanza chiaro quali sono gli impegni che si assumerà lo Stato e l’ente di previdenza: quali sono gli impegni assunti davvero dagli editori?
– A fronte di profitti ultraventennali, o di bilanci floridi negli altri rami di azienda che si fanno misteriosamente rossi quando si parla di giornali, di stati di crisi incassati a scadenze biennali: dove è scritto nell’accordo quando, quanto e come gli editori metteranno mano alle proprie tasche per fare la cosa che davvero è mancata finora: investimenti e rilancio dell’editoria secondo i nuovi modelli della multimedialità?
– Vogliamo parlare della inadeguatezza della rappresentanza sindacale, già profondamente spiazzata dalla mossa del cavallo degli editori nella trattativa per il contratto?

Insomma, il rischio è che, infiocchettato da nastrini colorati, ci giunga a destinazione un pacco di pattume politico, sindacale e imprenditoriale.
Concludo con la domanda delle domande: i giornalisti, questa volta, sapranno reagire all’onda di melma che arriva o continueranno a essere convinti che la campana non suonerà mai anche per loro?

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


19 + sedici =