STATUTO DI STAMPA ROMANA, BUGIE INACCETTABILI. PUNTOEACAPO PER IL RISPETTO DELLE REGOLE

Garanzie per una partecipazione democratica all’attività dell’Associazione Stampa romana. Significa presenza delle opposizioni oltre che nel direttivo anche nella giunta. Significa parità tra i generi. Significa apertura al mondo del precariato. E’ questo il progetto di riforma dello statuto di Stampa Romana che Puntoeacapo è disposto a perseguire unitariamente. In questo ambito, l’allargamento a quattro anni invece di tre delle consiliature è un corollario: importante, ma pur sempre un corollario.

Puntoeacapo su questo non accetterà deroghe né forzature o bugie. Come quella che circola in queste ore, secondo cui noi ci staremmo opponendo a questa riscrittura organica che abbiamo appena descritto, cui abbiamo dato un contributo determinante  e che la componente di Autonomia e Solidarietà si vorrebbe ora intestare nella assemblea prevista domani sera nella sede di piazza della Torretta (a proposito: chi paga gli straordinari dei dipendenti, visto che alle 21 non si è più in orario di lavoro ordinario?).
Abbiamo accettato di lavorare unitariamente per il bene dell’associazione a questo progetto di riforma. Ora emerge che si vorrebbe far passare l’unica cosa che forse interessa davvero – l’allungamento a quattro anni della consiliatura – con un semplice voto del direttivo.
Lo statuto della Fnsi prevede per sé l’allungamento, al contrario di quello di Stampa Romana. Ma i due statuti differiscono anche per altre questioni. E comunque non è giusto che su un cambiamento del genere si esprima solo il direttivo, riducendo tutto a una questione di date.
Siamo per il rispetto delle regole, sempre. Lo saremo anche questa volta, con buona pace di chi vuole utilizzare ogni pretesto per inutili polemiche tra pochi intimi.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


4 + sedici =