GIORNALISMO E FUTURO, GIORNALISMO SENZA FUTURO: QUANDO UN CORSO SI COMPRA SU GROUPON

di Gianluca Cicinelli

Alla fiera dell’est per due soldi un corso di giornalismo mio padre comprò. Per l’esattezza ad euro 19,99 su Groupon, sito famoso per acquisti di varia natura a prezzi iper scontati, ti vendono dieci fantastiche lezioni di scrittura giornalistica per stampa e web, davvero completo insomma, con moduli completi di materiali didattici e video, e i docenti di Accademia domani, la società che cura l’iniziativa, a disposizione per tutoraggio e chiarimenti anche attraverso Skype. 

Al momento in cui scrivo hanno già aderito in 68 all’ultimo sublime oltraggio contro quella che un tempo è stata una professione seria. Provare per credere.
Quanto verranno pagati i “tutor” di un corso che al partecipante costa 2 euro a lezione? Soprattutto chi sono e cosa insegneranno questi tutor sotto la voce “scrittura giornalistica”, visto che l’ambizioso lancio parla di “preparare nuovi professionisti in grado di operare consapevolmente e in modo efficace nel mondo dell’editoria, dalla realizzazione ottimale (ottimale? meno male! – ndr) di articoli, interviste e reportage (mica cavoli – sempre ndr) fino all’analisi della scrittura per il web”.
Mentre il sindacato e l’ordine dei giornalisti s’interrogano, senza però trovare il coraggio per rispondersi, sul ruolo delle scuole di giornalismo, ecco che Groupon ci mostra con chiarezza la strada verso cui si muove a rullo compressore il futuro della formazione per l’informazione. Minore sarà la qualità, più semplice sarà l’esercizio del controllo economico e deontologico verso i poveri illusi che penseranno davvero con questi corsi di far parte del grande circo della stampa. Magari per  ritrovarsi nelle redazioni a fianco di firme più illustri, tutti comunemente intenti a portare alla sublimazione l’arte del copia e incolla, della riproduzione delle veline delle questure e della televisione e dei comunicati governativi: al diavolo il senso critico, i congiuntivi e la distinzione tra una notizia e un comunicato commerciale.
Lo scorso anno ho restituito polemicamente il tesserino da professionista dimettendomi dall’ordine dei giornalisti. Comincio però a pensare che, circondato dall’affetto del sindacato, è ormai il giornalismo che si sta serenamente dimettendo da se stesso.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


tredici + 5 =