INPGI, PARTE DALLA RAI L’INIZIATIVA PER RIVEDERE GLI AFFITTI DEGLI ALLOGGI.L’IMPEGNO DI INPGI FUTURO

di Dania Mondini *

E’ partita dalla Rai  un’iniziativa importante, organizzata contro il caro-affitti. Un confronto cui noi, giornalisti-inquilini e non, abbiamo invitato i due membri di minoranza della Lista Inpgi Futuro presenti in Consiglio di amministrazione Carlo Chianura e Silvana Mazzocchi e la collega Rai Stefania Conti, facente funzioni di presidente della Commissione alloggi dell’INPGI.

Abbiamo voluto puntare la nostra lente d’ingrandimento sulla questione-casa per capire se, e in che modo, possiamo chiedere all’Ente di intervenire sulle modalita’ di calcolo dei parametri degli affitti. Hanno partecipato rappresentanti di tutte le testate giornalistiche, tanti colleghi che hanno arricchito l’incontro con valutazioni e testimonianze che hanno disegnato un quadro realistico anche sulle condizioni strutturali del patrimonio stesso.

In tanti hanno sottolineato l’inadeguatezza degli affitti anche a fronte delle condizioni strutturali in cui versano molti palazzi dell’istituto. Il risultato è stato un documento concordato e rivolto a tutti gli inquilini che, firmandolo, vogliono richiamare l’attenzione di tutto il Consiglio di Amministrazione sull’ ormai insostenibile rincaro degli affiti, come anche sulle quote di “oneri accessori” continuamente in crescita a fronte di una manutenzione troppo spesso insoddisfacente (nonostante compaia nell’ultimo bilancio la spesa di circa 6 milioni di euro destinati a questa voce).

I consiglieri Mazzocchi e Chianura hanno dato la loro disponibilita’ a farsi promotori nel Cda delle nostre richieste supportate dalla raccolta di firme.

L’Inpgi  da un anno deve rinnovare il contratto quadro degli affitti, scaduto il 31 dicembre del 2006 e gia’  prorogato due volte: prima fino al 31 dicembre del 2010, poi ancora fino al 31 dicembre 2012. Un’occasione importante per chiedere nuove regole piu’ attinenti  alle attuali condizioni del mercato degli affitti e soprattutto alle reali condizioni di una categoria colpita come le altre dalla crisi economica e con minori capacità di spesa nei propri bilanci familiari.

Un’occasione importante per chiedere anche l’applicazione di nuove forme di contratto  che consentirebbero all’Ente maggiori detrazioni fiscali e piu’ vantaggiose condizioni per gli inquilini. Secondo le ultime stime del centro studi del maggior portale immobiliare in Italia (www.immobiliare.it), confermati dall’Osservatorio di  “Solo Affitt”i, ma anche secondo i dati dell’Ance o quelli della Confedilizia, il mercato degli affitti è in crescita come offerta (viste le tasse sulla casa) e in calo come costi: una variazione negativa che sfiorerebbe il 30% in quattro anni (dal 2009 ad oggi).

Il costo medio in Italia di un appartamento di due o tre stanze( 85-100mq) è di 680 euro mensil; a Milano costa 890; a Roma, seconda citta’ piu’ cara, circa 860. Cifre che ci devono far riflettere visti i canoni che sopporta la categoria degli affittuari Inpgi. Soprattutto i canoni che vediamo nei bandi dell’ente. Costi talmente alti e scoraggianti che secondo i gli ultimi dati della Commissione alloggi che circa 200 appartamenti sono sfitti da mesi e cresce la morosita’.

Un meccanismo quello del non pagare l’affitto che aumenta con l’immissione sul  libero mercato delle nostre case, e che mette a rischio gli introiti a tutela delle nostre pensioni. Con la differenza che i nostri stipendi sono pignorabili, quelli di inquilini-non giornalisti no. Per non parlare di quanto sono cresciuti i costi della manutenzione a seguito di questo continuo tourn-over di inquilini che sta al massimo un anno e poi sul mercato trova offerte piu’ vantaggiose e se ne va.

Non sarebbe meglio fidelizzare (come è sempre stato) noi giornalisti che ci sentiamo doppiamente responsabili pagando l’affitto, visto che ne va del nostro futuro, con affitti piu’ corrispondenti alle attuali condizioni del mercato?

Un supporto a queste nostre richieste potrebbe arrivare proprio dal recente affidamento della gestione al Fondo immobiliare come deciso dal Consiglio di Amministrazione INPGI. Tre infatti sono i grandi vantaggi fiscali che derivano da questa scelta grazie alle norme introdotte da Monti col decreto Salva-Italia:
1- Permette di rivalutare a prezzi attuali il valore delle case iscritto in bilancio senza costi fiscali. si passa così da 696 milioni a 1.200 milioni di euro di valore complessivo con un risparmio fiscale di circa 40 milioni di euro. Il vantaggio sta nel fatto che il bilancio tecnico attuariale (quello su cui il ministero del Lavoro giudica la sostenibilita’ finanziaria dell’Istituto) migliora di 500 milioni di euro.
2- Il Fondo puo’ detrarre l’IVA sia sugli acquisti di nuovi immobili, sia su tutte le spese ed i servizi; inoltre consente di dedurre tutti i costi di produzione e l’IMU prima di definire gli utili della sua gestione;
3- il Fondo, a differenza dell’INPGI, non è soggetto all’IRES sugli affitti e inoltre la tassazione viene applicata solo in caso di distribuzione degli utili. Questo permette di avere molte piu’ risorse a disposizione.
 
A tutti questi risparmi fiscali potrebbe aggiungersi magari una “spending review” interna, con una maggiore trasparenza nell’affidamento degli appalti, nel controllo delle spese, nella gestione del patrimonio. Noi inquilini dunque possiamo avere qualche speranza: molto dipende da quanto sapremo farci ascoltare.

* Giornalista del Tg1

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


sedici − 15 =