PENSIONI, TIRO AL BERSAGLIO INACCETTABILE NELLA LEGGE DI STABILITA’. E’ ORA DI SVEGLIARSI

di Pierluigi Roesler Franz *

Il Senato ha iniziato in commissione Bilancio l’esame del disegno di legge sulla stabilità per il 2014 predisposto dal governo Letta. In materia pensionistica ci si trova, però, di fronte ad un delirio di proposte ed emendamenti in cui il qualunquismo e il pressappochismo la fanno da padrone con lo scopo solo di catturare voti in vista di future elezioni.

Una sorta di tiro al bersaglio da parte dei senatori di tutti i gruppi politici che hanno fatto a gara per chi l’ha sparata più grossa con l’unico obiettivo di colpire e addirittura anche con effetto retroattivo i vitalizi di maggiore importo, impropriamente ritenuti “d’oro” anche a fronte di versamenti di contributi previdenziali per oltre 40 anni, e di bloccare per altri anni la rivalutazione ISTAT delle pensioni.

C’é, però, da chiedersi quanti di questi illustri parlamentari proponenti conoscono davvero la Costituzione della Repubblica e in particolare gli articoli 2, 3, 23, 36, 38 e 53, e le sentenze emesse in materia dalla Corte Costituzionale (da ultimo la n. 116 di quest’anno) e dalla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo di Strasburgo perché c’é da restare davvero trasecolati di fronte a tanta ignoranza.

Se il Senato dovesse approvare alcuni di questi bizzarri emendamenti la quasi totalità delle pensioni dei giornalisti non solo non verrebbe rivalutata neppure nel 2014 dopo il blocco biennale imposto dal governo Monti, ma addirittura potrebbe subire un nuovo pesante taglio per finanziare gli esodati, nonostante la Consulta con sentenza n. 116 di quest’anno abbia già bocciato proprio la decurtazione dei vitalizi superiori ai 90 mila euro decisa del governo Berlusconi nell’estate 2011 e poi confermata dal governo Monti.

E’ giunta quindi l’ora che i pensionati si sveglino finalmente e facciano sentire alta la loro voce a Governo e Parlamento e la ferma protesta per simili nefandezze che non si addicono di certo ad un Paese definito la “patria del diritto” e dove, invece, si continua testardamente ad ignorare che “tutti – e non solo i pensionati – sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva”.

* Presidente del Gruppo Romano Giornalisti Pensionati

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


18 + quattro =