SOLDI AGLI EDITORI DAL GOVERNO. PUNTOEACAPO: NO A FORZATURE SU AMMORTIZZATORI E CONTRATTO

La legge di stabilità istituisce presso la presidenza del Consiglio un “Fondo straordinario per gli interventi di sostegno all’editoria” con la dotazione di 50 milioni nel 2014, 40 milioni nel 2015 e 30 milioni nel 2016. Lo ha stabilito il Senato in prima lettura. Puntoeacapo: nessuna forzatura sugli ammortizzatori, non riproduciamo i disastri del quinquennio 2009-2013.

Il fondo del governo è “destinato a incentivare gli investimenti delle imprese editoriali, anche di nuova costituzione, orientati all’innovazione tecnologica e digitale e all’ingresso di giovani professionisti qualificati nel campo dei nuovi media e a sostenere le ristrutturazioni aziendali e gli ammortizzatori sociali”. Lo prevede il maxiemendamento al ddl.

Sono evidenti a questo punto i rischi che le nuove provvidenze siano utilizzate impropriamente dagli editori solo ed esclusivamente per mettere alla porta nuovi contingenti di giornalisti o per utilizzare lo strumento del contratto di solidarietà anche con i bilanci in attivo.

Il costo del lavoro giornalistico è ormai una ossessione per la Fieg, che anche nel negoziato contrattuale sta ponendo il tema dei contratti di lavoro depotenziati e della flessibilità selvaggia in entrata e in uscita dalle redazioni.

La Fnsi, se non tiene bordone alla Fieg, certamente non riesce a tenerle testa. Il mantra di questa stagione è il lavoro H24 per 365 giorni all’anno: un concetto che si può sposare solo con redazioni monstre, pagate però con salari para-impiegatizi. A dispetto di una professione che rischia di diventare ricattabile nel suo lavoro proprio a causa della instabilità del rapporto di lavoro e delle basse e bassissime retribuzioni.

Per tacere delle ripercussioni sui bilanci dell’Inpgi e in generale sul futuro previdenziale della categoria.

Puntoeacapo chiama i giornalisti alla mobilitazione e alla vigilanza affinché sventino manovre al ribasso sul contratto di lavoro e forzature inaccettabili degli editori nell’uso degli ammortizzatori sociali.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


16 − 9 =