INPGI E TUTELA DELLA PROFESSIONE, BASTA CON GLI ABUSI SU STATI DI CRISI E AMMORTIZZATORI SOCIALI

di Carlo Chianura

Portavoce di Puntoeacapo, Cda Inpgi

Pubblichiamo la sintesi dell’intervento di Carlo Chianura al consiglio generale dell’Inpgi, svoltosi oggi, dedicato all’approvazione del Bilancio consuntivo 2013 e del Bilancio di previsione per il 2014.

_________________________________

 

Mi riallaccio al capitolo della relazione del presidente Camporese dedicato agli stanziamenti previsti dal governo nella Legge di stabilità. I provvedimenti in favore dell’editoria prevedono alcuni aspetti interessanti, come ad esempio il finanziamento delle nuove iniziative e le provvidenze in favore delle assunzioni di giovani.

Ma la storia più recente, con gli abusi che si sono verificati e si verificano anche oggi con l’ottenimento di stati di crisi a volte ingiustificati e con l’utilizzo indebito degli ammortizzatori sociali, ci insegna che è necessaria una vigilanza severa per evitare nuove forzature da parte degli editori.

La questione del costo del lavoro, a questo proposito, sembra essere diventata la vera e propria ossessione degli editori. Invece di pensare allo sviluppo industriale e tecnologico, invece di valutare il costo del lavoro giornalistico in maniera adeguata e come solo uno degli elementi che concorrono alla buona salute di un’azienda, sul costo del lavoro si sta costruendo, o distruggendo, la professione del futuro.

Giungono notizie non proprio tranquillizzanti dal tavolo delle trattative fra le parti sociali sul nuovo contratto di lavoro. Il “modello nuovo” e non solo per i datori di lavoro sono le redazioni H24 per 365 giorni all’anno.

Prepariamoci allora a vedere in futuro redazioni monstre.

Grandi redazioni, anche in giornali medi, ma pagate come? Se il modello è quello del precariato che ruota attorno alle redazioni, compensato con poche centinaia di euro, vuol dire che dobbiamo veramente temere per il futuro dell’Inpgi.

A parte gli aspetti deontologici e la precaria autonomia professionale che potrebbero avere redazioni sottopagate e non garantite, l’istituto di previdenza sarebbe difatti toccato da una rivoluzione al ribasso del mercato del lavoro.

Credo allora che sia opportuno richiamare tutti al rifiuto degli abusi, nonché alla massima vigilanza dell’Inpgi stesso e delle parti sociali per contenere gli animal spirits e dirigersi fattivamente verso la tutela della professione e il rilancio delle aziende attraverso investimenti e acquisizione di know how, oltre che rispetto dei diritti.

Sia chiaro a tutti che i vantaggi congiunturali sull’uso delle risorse Inpgi sarebbero in prospettiva effimeri senza uno sguardo intelligente e responsabile, nuovo e non furbo, e che le conseguenze di una miope riorganizzazione del mercato del lavoro ricadrebbero su tutte le parti.

Non vogliamo questo, e per quanto ci riguarda come componente di minoranza noi ci opporremo a questa tendenza, e facciamo per questo appello al senso di responsabilità delle parti in campo per tutelare il perimetro qualitativo e quantitativo della professione.

E’ una battaglia cruciale che non si può e non si deve fallire.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


2 × 2 =