IL GOVERNO DIROTTA I FONDI DESTINATI AL RILANCIO DELLA INFORMAZIONE SUL WEB. LA FIEG RINGRAZIA

di Gianluca Cicinelli

Gli analfabeti digitali italiani riuniti nella Fieg, dalla caverna oscura con tripli servizi che li ospita, uccidono il futuro dell’informazione online nostrana.

Prima hanno trasferito su web la cartaccia che non vendono più in edicola. Hanno così tagliato dell’ 80% il costo medio di un articolo, riempendo le redazioni di lavoratori autonomi, per l’esattezza autonomi dallo stipendio. Poi hanno sostituito i contenuti multimediali con quelli multimmorali,   pagando meno di  90 euro tre minuti di un filmato montato che estende al giornalista la funzione di operatore e montatore. Infine hanno letto sulla settimana enigmistica che negli Usa vanno molto i blog e hanno pensato che non ci fosse occasione migliore per arricchire i loro siti con altra cervello d’opera gratuita, solleticando la vanità di molti per una firma in cambio del nulla.

Scordatevi le polemiche alte, i Bezos, il patron di Amazon, che si comprano il Washington post, gli Omidyar, fondatore di Ebay, che reclutano inchiestisti come Greenwald per siti ad alto contenuto qualitativo, gli Hughes, tra i fondatori di Facebook, che entrano nella maggioranza azionaria del New Republic per digitalizzarlo. Scordatevi anche gli editori veri, perché i succitati Bezos & Company, altri sfruttatori sia comunque chiaro, i soldi ce li hanno davvero, non li elemosinano dal politico a cui leccano i piedi con articoletti compiacenti.

La Fieg, complice fedele della decadenza tecnologica, economica e sociale italiana, per un euro di guadagno oggi tornerebbe anche ai geroglifici di ieri, se potesse. Così a fine novembre hanno fatto inserire nel maxi emendamento che il governo Letta ha presentato al Senato per velocizzare l’approvazione della legge di stabilità, approvato, un pacchetto di provvedimenti che sposta gli aiuti all’editoria digitale dal web alla carta stampata.  

 

In questo pacchetto, sottoposto alla fiducia del Senato insieme a tutta la manovra, i fondi destinati in origine al rilancio dell’informazione sul web vengono dirottati sulla “modernizzazione”, cioè aiuti economici agli editori per l’adeguamento tecnologico, della rete di distribuzione e vendita della stampa cartacea. Ruderi, appunto, imprenditori coi soldi di Zio Arduino.

Più soldi alla carta e meno risorse per i contenuti del web, altro che futuro, si torna indietro. Qualche ex collega stagionato potrebbe vedere un vantaggio in questo, ottenebrato anch’egli dalla logica di qualche spicciolo oggi perché tanto lui nel digitale di domani non ci sarà. Ma rubando il futuro alla qualità dell’informazione si getta fango anche sul “glorioso” passato della professione, legittimando la guerra tra nuovi poveri ed ex privilegiati su cui gli editori basano il loro dominio incontrollato nelle redazioni.

Se non ricordiamo male l’attuale portavoce del presidente della Camera, dove sta per essere sottoposta al voto dei deputati la legge di stabilità che contiene questa norma “ammazza digitale”, è stato presidente, per mancanza di prove, della Fnsi. Chissà che non se ne ricordi e trovi del tempo libero per restituire all’editoria digitale gli incentivi per rilanciare la professione nel futuro. Costringendo per una volta gli “editori”,  questi poveri “imprenditori all’amatriciana” a pagare loro con i loro soldi l’incapacità tutta loro di vendere giornali troppo spudoratamente al servizio del potere politico.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


nove − tre =