IL PARLAMENTO VARA LA GOOGLE TAX IN FINANZIARIA, SCATTA LA RETORICA PRO-WEB

Le acque continuano ad essere agitate intorno alla web tax. Oggi anche il Blog di Beppe Grillo si è scagliato contro la nuova tassa introdotta nei giorni scorsi con un emendamento alla Legge di Stabilità e in base alla quale i giganti del Web, da Google ad Amazon, per vendere servizi da noi dovranno avere la partita Iva italiana. I grillini parlano senza mezzi termini di ‘follia del Pd’.

“Fanucci del Pd – era scritto oggi in un post dal titolo ‘La follia della web tax del Pd’ sul blog di Beppe Grillo a firma del blogger ‘Terzo Nick’ – è il padre dell’emendamento ‘web tax’ fatto passare col solito colpo di mano in Commissione Bilancio alla Camera. Con governo (giustamente) ed M5S contrari. La ‘web tax’ – si legge – produrrà svantaggi e nessun benefico per l’economia italiana, le imprese, i consumatori e finanche le casse dell’erario”.
Uno studio redatto dagli uffici dalla Camera, intanto, ha valutato che mentre la pubblicità sui media tradizionali (tv, radio, giornali, ecc) è in calo dal 2009, quella on-line è aumentata del 1.000% dal 2005, con una raccolta che sfugge alla tassazione italiana quando è effettuata dai giganti del web stranieri. In particolare, sono quattro i settori economici sui quali si registra uno spostamento dal mercato tradizionale a quello on-line: pubblicità, editoria, giochi e l’e-commerce, nel quale è ricompresa sia la vendita on-line di beni che quella di servizi (specie quelli turistici). In tutti i quattro i settori le aziende italiane avevano lamentato una concorrenza sleale da parte dei colossi stranieri: questi ultimi hanno infatti la domiciliazione in Paesi con regimi fiscale agevolati e quindi anche sui volumi realizzati in Italia pagano molte meno tasse nello Stato dove sono appunto domiciliati.
Con la web tax, i volumi di vendita realizzati in Italia (sia nella vendita di pubblicità che nell’e-commerce, che nel gioco on line) sarebbero anche fatturati nel nostro Paese, con il conseguente gettito, mentre oggi vengono fatturati in altri paesi con regimi fiscali agevolati (per esempio l’Irlanda). Ma questa prospettiva suscita la critica decisa dei grillini. “I promotori dell’iniziativa – prosegue il post – si appellano al principio secondo il quale è giusto che, per i servizi venduti in Italia, le tasse siano pagate in Italia”. Ma a loro parere, invece, legare i contenuti digitali e pubblicitari che girano sul web alle aziende che hanno partita Iva in Italia “produrrebbe come effetto la marginalizzazione dell’Italia dall’economia digitale, con colossi del calibro di Google che “semplicemente decideranno di non investire in Italia”.(ANSA).

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


due × 1 =