CHIANURA: A REPUBBLICA LA MAGGIORANZA ESPELLE UNA MINORANZA. L’AZIENDA BRINDA COMUNQUE

“Nel giornale portabandiera del diritto al lavoro, la maggioranza dei giornalisti decide di far fuori ed espellere una minoranza”. Lo dichiara Carlo Chianura, portavoce di Puntoeacapo, consigliere di Stampa Romana, nonché giornalista di Repubblica, dopo il risultato del referendum su contratti di solidarietà e prepensionamenti.

“E’ questo il significato del voto con cui la redazione di Repubblica ha bocciato i contratti di solidarietà in favore dei prepensionamenti di massa. Un atto di cannibalismo che dice una parola definitiva sulla differenza tra le parole e le azioni. Un atto reso più agevole dalla grave decisione del sindacato interno di mettere ai voti due ipotesi incompatibili tra di loro. Contemporaneamente una azienda da sempre in utile potrà ricorrere per la seconda volta ai soldi dello Stato e di tutti i giornalisti per tagliare decine di posti di lavoro”.

“Una decisione dal forte significato simbolico, oltre che politico, che non può però far trascurare come anche la soluzione alternativa, vale a dire quella dei contratti di solidarietà, avrebbe sottratto risorse preziose all’Inpgi, e non avrebbe escluso contemporaneamente o in seguito gli stessi prepensionamenti”. Pur non trascurando il fatto che, almeno per il momento, la misura degli esodi sarebbe stata solo volontaria.

A essere inaccettabile, secondo Puntoeacapo, era dunque l’intero impianto dell’accordo tra Cdr e azienda, “poiché partiva dal falso assunto, reso però possibile dagli accordi tra le parti sociali, che la redazione dovesse essere ridimensionata anche in assenza di segnali adeguati in un’azienda che ha sempre chiuso in attivo i bilanci, con forti utili e dividendi per azionisti e manager”. Tanto più che lo stesso comitato di redazione aveva ottenuto da alcune banche indipendenti significativi report che danno in deciso attivo la previsione per il 2014.

“Se qualcosa questa trattativa insegna ai giornalisti italiani è che i diritti vanno garantiti anche con prove di coraggio ma soprattutto con la necessaria unità d’intenti, quella che è drammaticamente mancata alla redazione di Repubblica”.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


18 − 7 =