COSI’ UNA PAGINA DI FACEBOOK SVELA LO SCANDALO DI UNA PROFESSIONE ALLO SBANDO

di Carlo Chianura

I contratti di collaborazione raccolti in questi giorni da Enzo Iacopino e pubblicati su Facebook svelano il grande inganno della professione giornalistica degli Anni Duemila. I giornali grandi e piccoli, metropolitani e provinciali, famosi o sconosciuti, oggi vanno in edicola (o sul web o in onda) grazie al fatto che sfruttano vergognosamente il lavoro giornalistico.

E’ una nuova forma di schiavismo che gioca in modo perverso sulla passione di centinaia, migliaia, di professionisti che per fare questo mestiere hanno investito anni della propria vita e spesso anche ingenti capitali in corsi di laurea e master universitari.
E’ questo un modello di sviluppo che rischia di essere il  modello di sviluppo dei prossimi anni: nelle redazioni giornalisti con un contratto sempre più depotenziato, fuori dalle redazioni una massa che spesso non riesce a raggiungere il minimo indispensabile per vivere.
Gli editori inseguono da anni questo modello di mercato del lavoro, che tendenzialmente porterà all’uso multiplo delle piattaforme (carta stampata, web, radio-tv) per ventiquattro ore al giorno (come peraltro teorizza l’ineffabile piattaforma della Fnsi per il nuovo contratto di lavoro), dunque tendenzialmente su tre turni di lavoro.
Per riuscirci, e rendere economicamente compatibile questo progetto, gli editori non possono e non vogliono tenere ai livelli attuali il costo del lavoro. Dunque lo sfruttamento dal loro punto di vista è una ineluttabilità.
Quello che è ineluttabile per gli editori dovrebbe invece essere inaccettabile per il sindacato unitario. Che invece, come amaramente sappiamo, non è in grado di garantire nulla se non la propria stanca sopravvivenza. Con ciò precipitando in crisi non solo se stesso, ma l’idea medesima del sindacato.
Ecco perché vedere nero su bianco, nei miserabili contratti stilati dagli uffici del personale, quello che è da anni sotto gli occhi di tutti potrebbe nei nostri auspici dare una scossa di dignità e di reazione a tutti noi. Una scossa che porti a ribellarsi, fuori dalle redazioni ma soprattutto dentro, perché si capisca che questa strada è la stessa che porta alla distruzione della professione e di tutto quello che la sostanzia, a partire dall’Inpgi, dalla Casagit e dal Fondo di previdenza complementare.
Lo capiremo finalmente?

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


tre × due =