LO SFRUTTAMENTO DEI GIORNALISTI: SCHIAVI IN REDAZIONE

di Primo Di Nicola *

Per una volta, parliamo di giornali e giornalisti. E parliamo delle migliaia di colleghi, giovani e no, che collaborando con quotidiani e testate on line non riescono nemmeno a ripagarsi delle spese.

Si tratta di professionisti che per un articolo vengono pagati anche tre, dico 3 euro. Si tratta di una vergogna nazionale, che molto somiglia allo sfruttamento dei minori che le grandi multinazionali fanno in India e Africa per confezionare i loro prodotti.

La cosa strana è che mentre su questi fenomeni giornali e televisioni non cessano di gridare allo scandalo, per lo sfruttamento brutale che si consuma all’interno delle proprie redazioni né i giornalisti né i loro organi sindacali levano la protesta necessaria.

E’ chiaro che un sistema informativo di questo tipo non è sostenibile e, soprattutto, non è credibile.

Bene fa il presidente dell’Ordine Enzo Iacopino a insistere su questo sfacciato sfruttamento e a denunciarlo.

Ma anche il Parlamento e il governo farebbero bene a smuoversi, magari avessero ancora voglia di occuparsi dei problemi veri del nostro Paese, della nostra informazione  e della nostra democrazia.

* Questo post di Primo Di Nicola è apparso sul blog “Camere d’aria”  nel sito dell’Espresso

http://dinicola.blogautore.espresso.repubblica.it/2014/04/04/lo-sfruttamento-dei-giornalisti-schiavi-in-redazione/

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


1 × 5 =