UN CONTRATTO DA EVITARE: QUESTA CRISI EPOCALE A INSAPUTA DEI GIORNALISTI

di Maurizio Andriolo *

Disoccupati, che fare? Sono anni che se ne parla e che si riuniscono commissioni, gruppi di studio, tavole rotonde. Ci si inventa l’equo compenso (ma non c’erano i tariffari?), ci si inventa i corsi di formazione (per fare che?, imparare a scrivere o addomesticarci al politicamente corretto?).

Il fatto è che la crisi non è tanto dei giornalisti, ma è degli editori. Ogni due per tre ne trovano una. Sul finire degli Anni ’70 ce ne fu una gravissima, con i soliti prepensionamenti, licenziamenti e, soprattutto, l’eliminazione di oltre 20mila poligrafici, sotto l’insegna dell’aggiornamento tecnologico. Un giornale di Milano vendette le sue rotative al Tanganica per aprire alla stampa a freddo, ai giornalisti fu promesso che, quindi, “il giornale sarebbe stato loro”… Infatti.

Questa attuale è una crisi di struttura, di organizzazione, di professionale qualità, di pubblicità. I quotidiani hanno perduto i lettori perché il giornale non è più uno strumento di informazione e di equità. Nessuno ha la chiave per risolvere il problema dei disoccupati, così come dei co.co.co., o dei freelance, se non affrontando con coraggio l’intera struttura del settore. Ed ecco qui la necessità di un Cnlg serio.

I pensionati, come scrive giustamente qualcuno, non sono dei parassiti. Con i loro versamenti pensarono alle loro pensioni e a quelle del futuro. Possono scrivere e lavorare fino a cent’anni. Non può esserci nei giornali una politica di sostituzione automatica: un vecchio, un giovane. Qui ritorniamo all’assunto: ricostruiamo il profilo del giornalista, che non è un operatore dell’informazione. Qualcuno mi ha chiesto: ma tu, che sindacato vuoi? Non un sindacato di correnti, ma di movimento, di cultura, di difesa democratica di tutti i giornalisti. Senza rais locali, non un dopolavoro, con proposte e senza dicotomie Ordine/Federazione.

Concludo, per ora: ma di questo Circolo della Stampa di Milano (costoso, lussuoso e senza proposte), che ne è? E a Napoli, che sta succedendo? Dice il Papa, che non dobbiamo perdere l’abitudine alla gentilezza. Pertanto, Buona Pasqua a tutti.

* Consigliere generale dell’Inpgi, vicepresidente della commissione Statuto

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


quattro × 4 =