UN CONTRATTO DA EVITARE: SE NON SI METTE MANO ALLA TORTA PUBBLICITARIA SIAMO DESTINATI A SCOMPARIRE

di Luciano Borghesan *

Ecco i più recenti dati pubblicitari, a riprova di quanto da tempo sostengo: se non si riequilibrano le risorse pubblicitarie la crisi per i gruppi editoriali tradizionali continuerà a fare vittime.

Solo con una vera profonda riforma dell’editoria globale si puo’ avere un pluralismo di informazione e di posti di lavoro, per questo ho ritenuto, da due contratti, che era meglio chiedere e ottenere una nuova legge prima di accedere a rinnovi del cnlg per non perdere  un patrimonio di regole e di occupazione. Con tutto quel che segue per i nostri istituti Inpgi e Casagit.

Come si vede dalla tabella continua infatti l’emorragia pubblicitaria, ma non per tv e radio nazionali.

* Consigliere genrale di Inpgi Futuro, vicepresidente della commissione Contributi e Vigilanza

Nielsen: gli investimenti nel mercato pubblicitario in Italia a febbraio 2014
16 aprile 2014 –
La pubblicità in Italia nel periodo gennaio-febbraio 2014 (confronto con gennaio-febbraio 2013, dati Nielsen)

TOTALE PUBBLICITA’ -4,3%
Quotidiani -16,3%
Periodici  -14,7%
Tv  0,2%
Radio  7,5%
Internet  -6,3%
Outdoor  -21%
Transit -22,8%
Out of home tv  -16,4%
Cinema  -10,8%
Direct mail  -9,6%

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


11 + 17 =