PUNTOEACAPO: L’EDITORE DELL’UNITA’ ABBIA LO STESSO SENSO DI RESPONSABILITA’ DEI SUOI GIORNALISTI

Un documento di Puntoeacapo sulla grave situazione dell’Unità, dove i redattori attuano lo sciopero delle firme per protestare contro il mancato pagamento  degli stipendi e contro la mancata presentazione da parte dell’editore di un credibile piano di salvataggio e rilancio della testata.

“Non sono bastate le giornate di sciopero”, si legge nel documento inviato al Cdr e alle giornaliste e ai giornalisti dell’Unità, “per riuscire ad ottenere le risposte che pure l’editore aveva promesso, e i silenzi e i continui rinvii rischiano di aggravare la situazione di crisi dell’Unità. Insieme alla Fnsi e alle associazioni di stampa regionali , noi di Puntoeacapo siamo al vostro fianco nella battaglia per garantire la continuità dell’azienda e la vita del giornale.

“In questo momento siete solo voi lavoratrici e lavoratori a mantenere quel rapporto di dialogo con le lettrici e i lettori dell’Unità, scegliendo di togliere le vostre firme, ma garantendo l’uscita del giornale. Avete scelto questa forma di protesta che non fa mancare l’informazione in questa ultima settimana di campagna elettorale dai toni sempre più esasperati e gridati, perché sapete bene come la ricchezza dell’informazione sia indispensabile per orientare e aiutare elettrici ed elettori nelle loro scelte di voto.

“Siamo consapevoli di quanto le non risposte dell’azienda e  i mancati pagamenti degli stipendio pesino sulle vostre vite e sul futuro vostro e del giornale.

“Vi siamo vicini e ci auguriamo che l’editore e il Pd dimostrino di avere lo stesso senso di responsabilità, di legame con i lettori, di attaccamento alla testata fondata da Gramsci e di cui abbiamo appena festeggiato i 90 anni di vita, che voi dimostrate ogni giorno”.

Puntoeacapo

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


1 × uno =