INPGI, LA CASA COMUNE DEI GIORNALISTI ATTACCATA DAGLI ERRORI DEL SINDACATO

di Carlo Chianura

Vengono al pettine per l’Inpgi i nodi strutturali che Puntoeacapo denuncia da un quinquennio: un micidiale combinato disposto tra crisi dell’editoria, concessioni suicide da parte della maggioranza Fnsi agli editori sugli stati di crisi, esplosione degli ammortizzatori sociali. Eventi che condannano l’istituto al primo bilancio sostanzialmente in rosso da cinquant’anni a questa parte. Tutti frutti del rinnovo contrattuale del 2009.

Diciamo bilancio sostanzialmente in rosso, come spiega Alessandra Spitz nell’articolo qui sotto, perché sotto il profilo formale il bilancio si chiude in attivo. Ma se ciò accade è solo grazie alla plusvalenza registrata con il conferimento della gestione degli immobili a una società di gestione del risparmio. Altrimenti lo sforamento sarebbe stato di oltre 40 milioni.
Gli stessi apprendisti stregoni che nel 2009 hanno condannato i giornalisti e il giornalismo italiano alla irrilevanza, si apprestano a ripetere l’exploit con un nuovo contratto che i giornalisti e il giornalismo potrebbe affossarli definitivamente. Anche questa volta il cavallo di Troia è “la difesa dei più deboli”, identificati nei nuovi schiavi delle redazioni. Gli stessi che in testate grandi e piccole consentono a poveri milionari di tenere aperti siti Internet anche ventiquattro ore al giorno sfruttando a quattrocento euro al mese finte partite Iva che in realtà sono redattori a tutti gli effetti.
La riforma fondamentale del contratto potrebbe consentire di legalizzare questo sfruttamento. Al di là di tutte le parole che sentirete nei prossimi giorni, la realtà è questa.
Dobbiamo tutti sapere che, se ciò avverrà, avverrà a spese della casa comune, quella che tutela il nostro welfare e le nostre pensioni future, e della cassa sanitaria, la Casagit, anch’essa a rischio se questo mestiere sarà sempre di più appannaggio dei nuovi schiavi sottopagati e sotto-contribuenti.
Ecco perché Puntoeacapo sta chiedendo da due mesi a una maggioranza della Fnsi in scadenza di mandato e senza la necessaria legittimazione di fermarsi prima che sia troppo tardi. Un sindacato che rappresenta una minoranza di giornalisti ha il potere di tenere in ostaggio una maggioranza che però sembra disinteressarsi di tutto quanto sta accadendo.
La realtà è questa per chi la vuole vedere. Fermiamoci finché siamo in tempo.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


due + cinque =