TRA CAMPAGNA ELETTORALE FNSI E CONTRATTO, NEL MIRINO L’INPGI. CHE HA BISOGNO DI UNA CURA DIMAGRANTE

di Maurizio Andriolo *

Tutti i nodi vengono al pettine. La conclusione del contratto di lavoro si fa sempre più difficile, il segretario generale è alla ricerca di un mandato per concluderlo, ma invano.

Il contratto non tiene conto della catastrofica situazione di crisi dell’intero settore e sembra che (responsabilmente?) voglia dare una mano agli editori piuttosto che ai giornalisti. Purtroppo, c’è chi specula sulla situazione di difficoltà della Federazione al “nobile” fine di scalzare gli attuali dirigenti e occuparne i posti.

Infatti, sono cominciate le grandi manovre per preparare le liste per le prossime elezioni regionali e congressuali. La compilazione delle liste viene fatta tra “amici e parenti”. Non si parla di primarie, di assemblee, di riunioni aperte, ma tutto sembra voler avvenire nel segreto di stanze chiuse. Ciò che sembra interessare molto al sindacato è di non disgustare gli editori e di contribuire quanto più si può all’erogazione dei fondi governativi per l’editoria. Milioni su milioni di euro, in “difesa” non si sa di che cosa, di cui beneficiano solo le aziende, che pure hanno già di per sé sconti di ogni genere. Ai giornalisti viene lasciata la “scelta” del prepensionamento, del contratto di solidarietà, della cassa integrazione, insomma della disperazione più drammatica.

L’attività del sindacato si è finora limitata a ben “sessanta assemblee”, a “salvare” due posti di lavoro su cinquanta, a non controllare la gravità dei ritardi, delle dilazioni, delle situazioni da azzeccagarbugli che si verificano nelle cause di lavoro.

La crisi sta mietendo vittime tra i posti di lavoro dei giornalisti, però ci permettiamo il lusso di incrementare l’elenco dei professionisti di circa mille all’anno. La Rai che pure ha quasi duemila giornalisti e 500 a collaborazione, che ha fatto un recente concorso “ad usum” domestico per assorbirne forse 40 l’anno, ha recentemente indetto un altro concorso per 24 nuovi aspiranti giornalisti alla scuola di Perugia.

Questa crisi, tuttavia, sembra non toccare le spese (lo sciupio) cui vanno incontro i nostri Istituti di categoria con centinaia di delegati, convegni, riunioni, incontri eccetera. E’ necessaria una spending review molto severa e i risparmi dedicarli a chi ne ha bisogno. Per altro occorre pure ritornare a una netta distinzione tra previdenza e assistenza. Non possiamo limitarci a prendere atto che l’ultimo bilancio INPGI è a dir poco virtuale e che il prossimo anno saranno in forse molte prestazioni. Non sarà certo un miglioramento del mercato a rinforzare l’INPGI, ma una difesa del patrimonio e un’azione decisa di contenimento.

* Vicepresidente della commissione Statuto dell’Inpgi, esponente di Inpgi Futuro

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


17 + diciassette =