CASAGIT, BILANCIO IN ATTIVO. PESANO I DUBBI PER IL FUTURO DELLA PROFESSIONE E I RIFLESSI SULLA CASSA

di Rossella Lama *

Il 2013 di Casagit si è chiuso con più di 2 milioni di utile, e non è male visto l’anno nero per la categoria. Ma il 2014 si annuncia non così positivo. Le previsioni per il 2014 sono molto prudenti. Tengono conto di due tendenze già evidenziate l’anno scorso, e destinate a perdurare in futuro.

La prima è il calo dei contrattualizzati nella platea degli iscritti: quasi 700 meno quest’anno, e con gli stati di crisi già dichiarati, e gli editori che non assumono, non c’è motivo per pensare ad inversioni di tendenza, anzi. L’altra novità del 2013, che sarà purtroppo la nostra normalità per un bel pezzo, è rappresentata dal calo della contribuzione media.

I giornalisti sono diventati più poveri, anche quelli assunti a tempo indeterminato, non solo perché aumenti contrattuali non ce ne sono e gli integrativi sono a zero, ma anche perché gli editori si sono messi a tagliare su domeniche, festivi e straordinari. Lo vediamo bene alla fine di ogni mese.

Così, se nel bilancio 2013 presentato ieri all’assemblea nazionale dei delegati Casagit dal presidente Cerrato, il saldo tra contributi e costi è stato di 763 mila euro (già un bel crollo rispetto agli oltre 3 milioni del 2012), quello di quest’anno potrebbe risultare addirittura negativo per quasi 2 milioni di euro.

Fortunatamente a migliorare i saldi della gestione caratteristica dovrebbero arrivare i proventi degli investimenti del patrimonio che già una bella mano hanno dato a tirar su i conti 2013, chiusi con 2 milioni di euro di utile contro i 4 dell’anno precedente. Grazie alla gestione finanziaria, ha spiegato il direttore Matteoli, il rosso del 2014 potrebbe infatti fermarsi sugli 800 mila euro.

Se Casagit vuole non solo sopravvivere, ma continuare a rappresentare una sicurezza per tutti i colleghi garantendo prestazioni adeguate, deve attrezzarsi per trovare altre fonti di risorse. In questa prospettiva l’assemblea ha approvato due modifiche allo statuto.

La prima consente di creare una srl snella che possa offrire servizi ad altre categorie di professionisti. Mettendo a disposizione di altri quello che Casagit sa fare in campo sanitario, senza alcun rischio patrimoniale per l’istituto e senza pericolose commistioni con i doveri di Casagit verso i giornalisti, potranno arrivare attraverso questo vagoncino risorse da mettere a disposizione dei nostri assicurati. La modifica statutaria permette di entrare in questo mercato creando una struttura idonea a partecipare alle gare.
La seconda modifica approvata ieri consente di investire meglio il nostro patrimonio, senza nessun cedimento, è bene ribadirlo, verso tentazioni speculative che sono impedite anche dalle nuove regole.

Qualche numero

La popolazione Casagit

51 mila soci titolari iscritti al profilo1, di cui 24 mila sono familiari.

Alla fine del 2013 erano 400 gli iscritti ai profili 2-3 e 4.

In quattro anni il numero dei pensionati è salito del 20%.

In totale gli iscritti sono 26.600 donne e 25.100 uomini.

Il contributo medio annuo: 3.010 euro versato dai contrattualizzati (3057 nel 2012)

2.139 dai pensionati (1.992 nel 2012)

2.942 dai volontari (3010)

Prestazioni

Nel 2013 erogate prestazioni per quasi 71 milioni di euro contro i 69 milioni 700 mila del 2012.

I ricoveri pesano per il 32%, la specialistica per il 31% le cure odontoiatriche per il 21%.

Per il 53% sono prestazioni sostitutive del servizio sanitario nazionale, l’1% in più del 2012

Forbice prestazioni-contributi

Nel 2013 per 100 euro di contributi Casagit ne ha erogati 86 di prestazioni, più degli 83 del 2012, degli 81 del 2011 e dei 79 del 2010.

* Cda Casagit, esponente di Puntoeacapo

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


dieci + 19 =