PUNTOEACAPO: UNA RAI DA DIFENDERE E RILANCIARE OLTRE LE APPARTENENZE POLITICO-SINDACALI

La vicenda Rai non va strumentalizzata, ma la riforma del servizio pubblico è irrinunciabile. Lo deve capire anche un sindacato che non ha saputo accompagnare il presente e il futuro dell’azienda. E’ il senso di una presa di posizione di Puntoeacapo sulle polemiche relative allo sciopero proclamato per l’11 giugno.

“Negli ultimi anni”, si legge nel documento di Puntoeacapo, “l’azione sindacale dei giornalisti Rai non ha, a sufficienza, preso in considerazione le profonde trasformazioni che la professione e il nuovo modello produttivo digitale hanno generato.
Le rivendicazioni non hanno mai tenuto conto della qualità del “prodotto” e della meritocrazia di chi lo aveva confezionato, bensì dell’appartenenza politico-sindacale di questo o quel collega.
“La multimedialità è stata messa nel dimenticatoio con il pregiudizio di chi ha temuto di rimettersi in discussione.
Le varie direzioni che si sono succedute nelle nostre testate, prigioniere di equilibri politici, hanno gestito e alimentato redazioni sempre più spaccate.
“Il sindacato non sempre ha difeso chi lo meritava. Bisognerebbe analizzare tale paradossale carenza. Bisognerebbe ammetterla, riconoscerla, sviscerarla. Ora, però, l’attuale  fase storica non ci consente di disperdere tempo ed energie per polemiche che quindi è opportuno limitare.
“Per questo motivo”, conclude il documento di Puntoeacapo, “in un momento di difficoltà per tutta la categoria e per la nostra azienda, ci sentiamo di ribadire, con senso di responsabilità, che siamo disponibili a costruire un’azione sindacale non demagogica e politica ma determinata a difendere una Rai a disposizione di un vero servizio pubblico”.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


due × 5 =