BUTTURINI: STAMPA ROMANA CONFERMA IL NO ALLE IPOTESI DI NUOVO CONTRATTO. PUNTOEACAPO: VOTI NO IL 23

Il segretario di Stampa Romana Paolo Butturini chiarisce in una lettera la posizione dell’associazione sulla vicenda contratto e sul via libera dato alla Fnsi nella riunione del 18 giugno da cui è poi scaturito l’accordo del 19 giugno sul lavoro autonomo.

Caro Carlo, ti scrivo ufficialmente in quanto portavoce di Puntoeacapo in relazione all’articolo “UN CONTRATTO DA EVITARE. DOPO TANTE PAROLE, STAMPA ROMANA VOTA SI’ ALL’ ACCORDO SUL LAVORO AUTONOMO” apparso sul sito della tua componente e nella newsletter mandata oggi.

“C’è stato evidentemente un fraintendimento che cercherò di chiarire. Il vicepresidente della Asr Roberto Monteforte è stato delegato all’ultimo momento a rappresentare l’Associazione alla riunione di Giunta e Presidenti del 18 giugno scorso, in quanto il sottoscritto ha avuto un improvviso e grave problema familiare. In quella riunione il segretario della Fnsi Franco Siddi ha posto in votazione una delibera in cui si dava mandato alla sola Giunta di andare in Fieg e proseguire il confronto sul tema del “Lavoro Autonomo”. Non avendomi trovato, Monteforte non ha partecipato al voto che, ripeto, non aveva come oggetto l’approvazione dell’accordo. Successivamente, in Fieg, la Giunta ha votato l’accordo, ma il collega Monteforte non era presente non avendone titolo.

“Detto questo ti ribadisco con chiarezza che la posizione dell’Asr rimane quella del documento approvato il 9 giugno, nel quale si ritenevano largamente insufficienti gli elementi acquisiti e si chiedeva di rimettere in discussione l’intero impianto della trattativa. Alla luce dell’accordo sul “lavoro autonomo”, addirittura peggiorativo di un’ipotesi già rovinosa, non posso che ribadire che l’Asr è contraria a quel protocollo, così come ha già espresso ed esprimerà parere contrario alle modifiche contrattuali che verranno discusse lunedì 23 giugno dalla Giunta. Tali modifiche rappresentano un pericolo, così come l’accordo sul lavoro autonomo e l’Equo Compenso, per l’esistenza stessa della categoria e della professione, realizzandone la definitiva precarizzazione e rendendola totalmente subalterna al volere degli editori”.

Paolo Butturini, segretario Associazione Stampa Romana



Risponde Carlo Chianura, portavoce di Puntoeacapo.

Paolo Butturini conferma la sostanza della nostra segnalazione. Non abbiamo mai scritto infatti che il voto era sull’accordo, quanto invece sull’autorizzazione alla Fnsi a recarsi nella sede Fieg a concludere l’intesa sulla base delle linee indicate da Siddi. Cosa puntualmente avvenuta.

Prendiamo atto con attenzione invece della seconda parte della lettera, allorquando Butturini conferma di essere contrario alle attuali ipotesi di rinnovo contrattuale. In questo senso attendiamo le determinazioni ufficiali che il segretario di Stampa Romana assumerà nella riunione del 23 giugno, decisiva per le sorti della trattativa.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


18 − undici =