CONTRATTO-VERGOGNA, ISTRUZIONI PER L’USO SULLA MANIFESTAZIONE DELL’8 LUGLIO

Condividiamo il post su facebook di Chiara Baldi, una collega che ha scritto alcune interessanti “istruzioni per l’uso” sulla manifestazione dell’8 luglio sul gruppo Facebook #StopFnsi Contro l’iniquo compenso.

Ciao a tutti,
come sapete domani dalle 10 ci sarà la protesta dei giornalisti freelance e precari sotto la FNSI a Roma, in Corso Vittorio Emanuele II, 349. Saremo lì fino alle 14.

Abbiamo organizzato DALLE 11 una Twittstorm che avrà come hashtag ‪#‎stopfnsi‬ (tutto minuscolo) perché pensiamo che sia utile far sentire la nostra voce sì in piazza ma anche sui social.

Quindi DALLE 11 tempestiamo Twitter con questo hashtag e ovviamente ci serve il vostro aiuto.

Alcune accortezze: l’hashtag è #stopfnsi quindi qualsiasi tweet mandiate dovrà contenerlo altrimenti non potremo conteggiarlo nello storify che pubblicheremo domani sera.

Secondo punto: è altamente consigliabile taggare @LottiLuca, @frasisam (Franco Siddi), la FNSI con @FnsiSito e @matteorenzi in quando responsabili di questa vergogna chiamata Equo Compenso e anche perché così il tweet viene recepito meglio, ed è più efficace. Ancora più efficace, poi, se il tag viene preceduto da un punto (solo nel caso in cui il tab sia ad inizio tweet): in questo modo lo leggono TUTTI e non solo i vostri followers.

Comunque, per facilitare le cose, abbiamo preparato alcuni tweet che manderemo domani A PARTIRE DALLE 11:

.@frasisam se il sindacato che hai mente affama i freelance, noi diciamo #stopfnsi

.@frasisam ha messo a repentaglio la libertà d’informazione per questo diciamo #stopfnsi

Se 250 euro al mese non vi sembrano eque, unitevi a noi e dite #stopfnsi

.@FnsiSito e @LottiLuca hanno
venduto il futuro del giornalismo e dei giornalisti. #stopfnsi

.@FnsiSito e @LottiLuca 250 euro/mese compenso equo? Legalizzato lo schiavismo. Applausi a @frasisam #stopfnsi

Sindacato giornalisti ha svenduto categoria a editori: 250 euro/mese sono iniquo compenso #stopfnsi

Libertà di stampa passa per giusta retribuzione. 20 euro a pezzo non lo sono #stopfnsi

.@FnsiSito preferisce tutelare editori a scapito dei giornalisti #stopfnsi

Se non leggerete più inchieste sarà perché con 20 euro/pezzo non hai la forza di farle #stopfnsi

Questi ovviamente sono solo alcuni tweet, per gli altri ci affidiamo alla vostra efficacia e preparazione

Fate girare questa mail OVUNQUE e a QUALUNQUE collega. E soprattutto, se vedete che i “giornalisti VIP” (cioè quelli che su Twitter sono molto seguiti), stuzzicateli e portateli a dire qualcosa su questa vergogna.

Un abbraccio e resistenza

Chiara Baldi

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


11 + diciannove =